Market Monitor Macchinari Francia 2017

Market Monitor

  • Francia
  • Meccanica

31 ottobre 2017

I margini di profitto sono aumentati negli ultimi 12 mesi grazie al migliore ambiente in cui operano le imprese, tuttavia, in futuro non si può escludere una lieve diminuzione.

  • Continua la crescita nella maggior parte dei segmenti
  • Le imprese di macchinari per il settore agricolo sono ancora in difficoltà
  • La necessità di aumentare la capacità produttiva dovrebbe incoraggiare gli investimenti

Nel 2016 le vendite del settore francese dei macchinari hanno registrato una crescita nella maggior parte dei segmenti, grazie all'aumento della domanda nel mercato interno (da parte dei settori del metallo e delle costruzioni) e il buon andamento dell'export. Le vendite di macchine utensili sono aumentate del 6,9%, mentre il segmento dei macchinari di sollevamento e movimentazione ha registrato un aumento del 18%, sulla scia della crescita dell'export e di un'inversione di tendenza dopo diversi anni di deboli investimenti, soprattutto nel settore edile.

Tuttavia, come nel 2015, le imprese di macchinari destinati all'agricoltura continuano a doversi confrontare con un contesto altamente competitivo e con la flessione dei margini e delle vendite, il cui effetto pesa soprattutto sui rivenditori minori. Le vendite hanno continuato a scendere nel 2016 (-2,6%) poiché gli acquirenti del settore agricolo hanno ulteriormente ridotto gli investimenti come conseguenza della riduzione dei fatturati. Allo stesso tempo, il segmento dei macchinari per le attrezzature di ebollizione ha subito una flessione delle vendite del 2,9%, poiché risente ancora fortemente dei bassi investimenti dell'industria petrolifera e del gas.

Nel primo semestre di quest'anno le vendite del settore francese dei macchinari sono aumentate di circa il 3% grazie soprattutto alla domanda estera, in particolare da parte di Asia e Sud America, e ci si attende un ulteriore aumento nei prossimi mesi. Anche la domanda interna resta solida, grazie al miglioramento del contesto commerciale, e molte imprese francesi prevedono di aumentare i loro investimenti in attrezzature e macchinari. Gli investimenti fissi reali in Francia dovrebbero aumentare di oltre il 2% su base annua tra il 2017 e 2018.

Trattandosi di un settore ad alta intensità di capitale, il comparto richiede un livello elevato di finanziamenti. Il risultato è che le imprese di questo settore presentano spesso un alto tasso d’indebitamento che ne indebolisce la struttura finanziaria e la solvibilità generale, aumentando la pressione sulla liquidità. Tuttavia, in molti casi i pagamenti anticipati possono contribuire a migliorare la situazione di cassa dei fornitori e, inoltre, le banche sono inclini a concedere prestiti al settore. I margini di profitto sono aumentati negli ultimi 12 mesi grazie al contesto commerciale favorevole e alle misure di sostegno fiscale. Tuttavia, alla luce dell'aumento della spesa per l'energia, non è possibile escludere una lieve riduzione nei prossimi 12 mesi.

I pagamenti nel settore francese dei macchinari richiedono in media 70-80 giorni. Il livello di ritardi nei pagamenti si è mantenuto basso negli ultimi due anni. Nel primo semestre di quest'anno i casi d’insolvenza hanno subito una flessione e dovrebbero mantenersi stabili nei prossimi sei mesi. Contrariamente alla riduzione prevista per l'intero comparto industriale francese (-7% quest'anno), i casi d’insolvenza nel settore dei macchinari dovrebbero mantenersi stabili. Ciò si spiega con il fatto che il livello d’insolvenze nel settore dei macchinari è già basso rispetto ad altri comparti.

Alla luce delle prospettive positive, il nostro approccio assicurativo si mantiene aperto nei confronti della maggior parte dei segmenti, anche se adottiamo maggiore prudenza per quanto riguarda le imprese di macchinari destinati all'agricoltura a causa dei problemi citati. Lo stesso vale per le imprese che dipendono dal settore del petrolio/gas (come i macchinari per condutture).

 

Documenti collegati