Romania: meno incline ad offrire dilazioni

Barometro sui comportamenti di pagamento

  • Romania
  • Costruzioni ,
  • Beni durevoli ,

18 settembre 2018

A causa di ritardi negli incassi delle fattura B2B, il 20,3% degli intervistati in Romania ha dovuto posticipare i pagamenti ai propri fornitori mentre il 14,8% ha dovuto correggere il flusso di cassa

La Romania ha avuto una bassa percentuale di vendite B2B a credito e gli intervistati hanno dichiarato di optare principalmente nell'applicazione di dilazioni nel caso in cui si possono fidare degli acquirenti e hanno instaurato un rapporto commerciale a lungo termine con loro. La proporzione dei crediti commerciali scaduti verso clienti è una delle più basse della regione. Tuttavia, la maggior parte dei fornitori rumeni ha dichiarato che le fatture scadute hanno portato a ritardi nei pagamenti ai loro fornitori e alla necessità di adottare misure specifiche per correggere il flusso di cassa. Solo i crediti nazionali B2B qui sono stati cancellati come non recuperabili principalmente perché il cliente è fallito o ha cessato l'attività.

Vendite a credito legate a relazioni di lunga durata con i clienti B2B

B2B sales on credit Romania 2018

Nel 2018, i rispondenti al sondaggio in Romania si sono dimostrati più avversi all'applicazione di dilazioni nella regione dell'Europa orientale. Solo il 17,7% delle vendite è stato effettuato a credito, mostrando una chiara preferenza per altri metodi di pagamento. Così come altre imprese nella regione, gli intervistati sembrano essere contrari ad applicare dilazioni in particolare alle vendite fatte a clienti esteri, rispetto a clienti domestici (15,5% contro 19,8%). Inoltre, la percentuale di vendite B2B in Romania è significativamente inferiore alla media del 36,9%.

Le ragioni principali citate dagli intervistati che consentono l'applicazione di dilazioni di pagamento sono fedeltà e relazioni commerciali durature.  Nel valutare la scelta di non concedere dilazioni le aziende intervistate hanno indicato la debolezza finanziaria e i comportamenti di pagamento non adeguati da parte dei clienti (menzionato dal 40,0% e dal 34,7% degli intervistati).

Abbiamo deciso di concedere credito commerciale perché abbiamo sviluppato alcune relazioni in cui operiamo da molto tempo. Confidiamo nelle persone con cui collaboriamo.

Intervistato, settore Costruzioni

 

 

Documenti collegati