Market Monitor Siderurgia Sudafrica 2017

Market Monitor

  • Sud Africa
  • Metalli ,
  • Acciaio

14 novembre 2017

Le banche hanno adottato un approccio più restrittivo alla luce del contesto altamente competitivo (che mette sotto pressione i margini di profitto) e della persistente debolezza della domanda.

  • Il Sudafrica occupa il 22° posto a livello globale in termini di produzione di acciaio grezzo (circa 6 milioni di tonnellate all’anno). L’industria siderurgica svolge un ruolo essenziale per l’economia del Sudafrica ed è un pilastro dei settori minerario, edile, energetico e delle infrastrutture.
  • Nel 2015 e 2016 l’industria siderurgica ha subito l’impatto dell’eccesso di capacità produttiva a livello globale e delle importazioni di acciaio a basso costo. Ciò ha spinto il Governo sudafricano ad imporre tariffe e dazi di salvaguardia. Secondo la World Steel Association, dopo il calo del 4,3% registrato nel 2016, la produzione sudafricana di acciaio ha visto un’ulteriore flessione tra gennaio e agosto di quest’anno (-1,3%). La domanda interna di acciaio si è mantenuta debole nei primi mesi del 2017 a causa della modesta crescita economica (la crescita prevista è dello 0,8% quest’anno e dell’1,8% nel 2018)
    e della performance deludente di molti settori di riferimento. Nel lungo termine, la crescita della produzione di acciaio dovrebbe continuare ad essere frenata dai problemi legati alla fornitura di energia elettrica e dall’aumento dei costi di produzione.
  • Benché il tasso di indebitamento complessivo delle imprese siderurgiche sia è simile a quello di altri comparti, le banche hanno adottato un approccio più restrittivo alla luce del contesto altamente competitivo (che mette sotto continua pressione i margini di profitto) e della persistente debolezza della domanda.
  • Sebbene il numero di ritardi di pagamento e insolvenze non dovrebbe registrare un aumento significativo nei prossimi 12 mesi, non si può escludere l’eventualità di ritardi o  fallimenti da parte di grandi imprese del settore. Il nostro approccio assicurativo continua quindi ad essere restrittivo, soprattutto nei confronti del segmento dei commercianti di  materie prime.

 

 

Documenti collegati