Market Monitor Automotive Germania 2018

Market Monitor

  • Germania
  • Trasporti

04 settembre 2018

I margini continuano a diminuire per l'aumento dei costi materiali e del lavoro, dell'aumento della concorrenza, della pressione sui prezzi di vendita e della necessità di investire pesantemente.

Germania 2018 Automotive

  • In linea generale, la situazione di solvibilità e liquidità dei produttori e fornitori del settore automobilistico tedesco si conferma solida; tuttavia, i margini di profitto sono in calo a causa dell’aumento dei costi di materiali e manodopera, della concorrenza crescente, della pressione sui prezzi di vendita e della necessità di investimenti (ingenti spese in conto capitale per Ricerca e Sviluppo per tenere il passo dei concorrenti in termini di nuove tendenze e tecnologie, tra cui motori elettrici, guida connessa e vetture autonome). Grazie ai buoni risultati degli ultimi anni, la maggior parte delle imprese continua a mostrare una solidità patrimoniale sufficiente per rispondere a queste sfide.
  • Non va però dimenticato che il sotto-settore dei fornitori caratterizzato dalla presenza di un gran numero di piccole imprese che potrebbero essere maggiormente a rischio a causa del basso potere contrattuale nei confronti degli OEM o qualora questi interrompano gli ordini (delisting). Allo stesso tempo, la concorrenza è forte in alcuni segmenti. Molte piccole imprese hanno difficoltà a finanziare gli investimenti necessari per sostenere la crescita o salire nella catena del valore.
  • Gli OEM tedeschi che operano negli Stati Uniti potrebbero subire ripercussioni a causa dei prezzi più alti per le materie prime legati ai dazi punitivi su acciaio e alluminio: infatti, si teme che i produttori statunitensi non saranno in grado di fornire la qualità e quantità necessarie nel breve termine. Il mercato statunitense è molto importante per il settore automobilistico della Germania e l’imposizione di dazi sull’import di veicoli e autoricambi avrebbe un impatto significativo su alcuni OEM e fornitori tedeschi (in particolare quelli che non dispongono di stabilimenti di produzione negli USA).
  • La nostra esperienza di pagamento in questo settore si è mantenuta buona negli ultimi due anni e non abbiano notato un aumento dei casi di mancato pagamento nel corso degli ultimi dodici mesi. Il livello delle insolvenze dovrebbe mantenersi basso, almeno per il momento. I pagamenti richiedono in media 60-90 giorni, Tuttavia, abbiamo recentemente osservato che alcuni fornitori di 1° livello sfruttano il loro potere di mercato per estendere i pagamenti fino a 120 giorni.
  • A causa delle numerose sfide all’orizzonte (taglio delle emissioni, nuove tecnologie, cambiamento delle abitudini dei consumatori, controversie commerciali crescenti), la nostra valutazione del settore automobilistico tedesco è “Discreta”. Il nostro approccio assicurativo resta aperto nei confronti degli OEM e dei fornitori di 1° livello, che hanno generalmente un buon accesso al mercato dei capitali e mostrano un rischio di fallimento molto basso. Tuttavia, adottiamo un approccio assicurativo neutro nei confronti delle imprese di 2° livello a causa del coefficiente patrimoniale ridotto in questo segmento e alla luce del fatto che molti prodotti sono sostituibili. Qualora gli USA dovessero imporre dazi sulle importazioni di veicoli e vi fosse un’escalation delle controversie commerciali, non si può escludere che soprattutto i fornitori potrebbero affrontare problemi di liquidità e di riscossione dei pagamenti.

Documenti collegati