Irlanda: il rischio credito in crescita

Barometro sui comportamenti di pagamento

  • Irlanda
  • Agricoltura ,
  • Trasporti,
  • Chimico,
  • Costruzioni ,
  • Beni durevoli ,
  • Alimentare ,
  • Meccanica

22 ottobre 2019

Le prospettive economiche per l'Irlanda sono incerte, in quanto i risultati del Brexit incideranno significativamente sui flussi di esportazione, in particolare nei settori manifatturiero e alimentare

Le prospettive di insolvenza del paese sono deboli, in parte a causa degli stretti legami economici con il Regno Unito e della perdurante incertezza su Brexit. Tuttavia, mentre quest'anno si prevede un aumento dei casi di insolvenza, per il 2020 si prevede un aumento medio del 2%.

Maggiore ricorso al credito commerciale nelle transazioni nazionali e nelle transazioni B2B all'esportazione 

In linea con tutti i paesi dell'Europa occidentale, l'Irlanda sembra aver aumentato il volume delle vendite ai clienti B2B a credito nell'ultimo anno. Questo ammonta ora al 65% del valore totale delle vendite B2B degli intervistati, rispetto al 47% di un anno fa, ed è superiore alla media regionale del 60,4%. L'uso più esteso del credito commerciale mostrato nei risultati della nostra indagine potrebbe indicare la necessità di incrementare le vendite, sia sul mercato interno che in particolare sui mercati esteri, dove la domanda è destinata a rimanere debole soprattutto a causa delle persistenti incertezze sulle politiche commerciali globali.

Payment Practices Barometer Ireland 2019

Payment Practices Barometer Ireland 2019

Gli intervistati irlandesi richiedono pagamenti B2B più brevi rispetto ad un anno fa

Non inaspettatamente a causa della perdurante incertezza che circonda Brexit e le relative prospettive di insolvenza per l'Irlanda, i fornitori hanno richiesto pagamenti con dilazioni più brevi rispetto allo scorso anno. In Irlanda, i termini medi di pagamento si attestano a 28 giorni dalla fatturazione (in calo rispetto ai 31 di un anno fa) e al di sotto della media di 34 giorni per l'Europa occidentale. L'Irlanda e il Regno Unito sono gli unici due paesi dell'Europa occidentale per i quali le condizioni medie di pagamento sono più brevi rispetto all'anno scorso.

Maggiore percezione del rischio di insolvenza nei pagamenti a causa di un contesto difficile

Gli intervistati in Irlanda applicano un'ampia gamma di tecniche di gestione del credito per ridurre il rischio di mancato pagamento da parte dei loro clienti B2B. La tecnica di gestione del credito più frequentemente applicata è la valutazione del merito di credito dei potenziali clienti. I risultati dell'indagine in Irlanda mostrano che questa tecnica è utilizzata da altrettanti intervistati in Irlanda come nell'Europa occidentale (35%), il che suggerisce una forte percezione del rischio di insolvenza derivante dalla negoziazione di crediti tra le imprese della regione. Tuttavia, il numero di intervistati in Europa occidentale (18%) rispetto all'Irlanda (9%) si rivolge a società specializzate nel recupero crediti, mentre in Europa occidentale (28%) un numero maggiore di intervistati rispetto all'Irlanda (16%) svolge attività di sollecito per ricordare ai clienti B2B di saldare le fatture in sospeso.

In Irlanda, quasi un terzo del valore totale delle fatture B2B è pagato in ritardo.

I risultati dell'indagine in Irlanda mostrano che quasi un terzo (32,4%) del valore totale delle fatture B2B emesse dagli intervistati nell'ultimo anno è rimasto in sospeso alla data di scadenza. Si tratta di un valore superiore alla media del 28,9% per l'Europa occidentale. Rispetto allo stesso periodo dell'indagine di un anno fa, le pratiche di pagamento in Irlanda sono rimaste le stesse, con una media del 63% delle fatture B2B pagate in tempo. Ciononostante, gli intervistati in Irlanda riescono ad incassare le fatture con tempi più brevi di un anno fa (in media 49 giorni dalla fatturazione, contro 52 giorni). È probabile che ciò rappresenti un aumento dell'incasso delle fatture in sospeso a breve termine. Questa variazione è in linea con i risultati dell'indagine per l'Europa occidentale, dove la durata media dei pagamenti è scesa a 52 giorni, dai 55 giorni dell'anno scorso. 

Gli intervistati irlandesi hanno meno successo nella riscossione di fatture scadute da lungo tempo rispetto all'anno scorso 

Un numero minore di intervistati in Irlanda (32%) rispetto all'Europa occidentale (42%) non ha riportato alcun impatto significativo sulle imprese a causa dei ritardi di pagamento. Per contro, il 36% degli intervistati irlandesi (molto più del 28% a livello regionale) ha dovuto ritardare il pagamento delle fatture ai propri fornitori. Il 20% (rispetto al 14% dell'Europa occidentale) ha dovuto richiedere una proroga dello scoperto bancario. Per quanto riguarda la riscossione delle fatture a lungo termine scadute, gli intervistati in Irlanda sembrano avere meno successo dell'anno scorso. I risultati dell'indagine rivelano inoltre un aumento della percentuale di crediti B2B cancellati come inesigibili, pari al 2,5% del valore totale delle fatture B2B, rispetto all'1,4% dell'anno scorso e superiore alla media del 2,2% dell'Europa occidentale. 

Un numero maggiore di intervistati in Irlanda che in Europa occidentale prevede un peggioramento delle pratiche di pagamento dei clienti B2B nei prossimi mesi.

Un minor numero di intervistati in Irlanda (46%) rispetto all'Europa occidentale (55%) ritiene che le pratiche di pagamento dei clienti B2B rimarranno invariate nei prossimi mesi, mentre il 33% degli intervistati irlandesi prevede un peggioramento del comportamento di pagamento dei clienti B2B nello stesso periodo, con un conseguente aumento della percentuale di fatture in sospeso a lungo termine. Per rafforzare la gestione dei crediti, proteggere la liquidità e, in ultima analisi, gli intervistati in Irlanda prevedono di aumentare l'uso delle tecniche di gestione del credito. In particolare, quasi un quarto prevede di richiedere pagamenti in contanti ai propri clienti B2B, monitorando nel contempo il rischio di credito su base più regolare nei prossimi mesi. La stessa percentuale di intervistati in Irlanda e in Europa occidentale (25%) ritiene che l'accesso ai finanziamenti bancari sarà più limitato nei prossimi mesi. Tra gli intervistati che condividono questa opinione, il 36% (oltre il 30% a livello regionale) prevede di reagire ad un accesso più stretto ai finanziamenti bancari riducendo la forza lavoro attraverso licenziamenti o congelamenti delle assunzioni. Per il 33% degli intervistati irlandesi (la stessa percentuale che a livello regionale) l'accesso limitato ai finanziamenti bancari causerà ritardi negli investimenti delle imprese o porterà a una riduzione dei costi operativi. 

Alun Sweeney, Country Manager di Atradius per il Regno Unito e l'Irlanda, ha commentato il rapporto: "L'economia irlandese dovrebbe mantenere il suo slancio anche quest'anno, ma il ritmo di crescita per il 2020 dipenderà in larga misura dal risultato del Brexit, con le incertezze economiche derivanti dal Brexit che già modera le previsioni di crescita. 

Queste incertezze potrebbero incidere significativamente sui flussi di esportazione dell'Irlanda, con il mercato britannico che rappresenta almeno il 15% dei beni irlandesi e il 20% dei servizi esportati. Una potenziale recessione economica nel Regno Unito e un esito caotico dei negoziati UE-Regno Unito potrebbero avere un impatto negativo, in particolare sul settore manifatturiero e alimentare irlandese, a causa della loro forte dipendenza dalle esportazioni verso il Regno Unito. 

Le prospettive economiche per l'Irlanda sono quindi più incerte che in passato. Di conseguenza, le imprese esprimono la preoccupazione che le pratiche di pagamento dei loro clienti possano deteriorarsi, il che influirebbe sulla liquidità e metterebbe a dura prova le prospettive di crescita. 
È essenziale che le imprese irlandesi che operano in questo contesto si concentrino sulla gestione strategica del credito e sui processi di controllo del credito. Ciò li aiuterebbe anche a migliorare la riscossione delle fatture in ritardo di pagamento a lungo termine, un settore in cui le imprese hanno meno successo rispetto al passato".