Industry Trends Automotive UK 2021

Market Monitor

  • Regno Unito
  • Trasporti

09 dicembre 2021

Peggiora il rischio di credito dei fornitori

 

 

 

 

 

IT UK automotive Credit Risk

 

 

 

 

Dopo la contrazione del 25,6% registrata nel 2020, la produzione del settore automobilistico britannico dovrebbe crescere soltanto dell’8,5% nel 2021 poiché l’attuale carenza di semiconduttori sta pesando in modo significativo sulla produzione. Lo scorso mese di settembre le immatricolazioni di nuove autovetture sono scese del 34% rispetto al 2020. Va detto, tuttavia, che i timori legati alle gravi ripercussioni per il settore causate dalla Brexit sembrano essersi attenuati: l’accordo commerciale siglato a dicembre 2020 prevede infatti la rimozione dei dazi e il libero scambio delle mer­ci tra il Regno Unito e l’Unione Europea.

 

 

 

 

IT UK automotive output

 

 

 

 

 

Negli ultimi due mesi i margini di profitto delle imprese hanno risentito dei continui tagli alla produzione e dell’aumento dei prezzi dell’acciaio/metalli e dell’energia. Si prevede che i margi­ni di profitto registreranno un’ulteriore flessione poiché gli stop alla produzione di veicoli dovrebbero proseguire almeno fino al primo semestre del 2022. I fornitori devono quindi tagliare i loro livelli di produzione, spesso con breve preavviso. Il settore conti­nua a doversi confrontare con problemi di flusso di cassa e queste difficoltà dovrebbero proseguire anche nei prossimi mesi.

I pagamenti nel settore automobilistico richiedono in media 60 giorni; tuttavia, nel caso dei fornitori con basso potere contrattua­le, i pagamenti possono richiedere fino a 150­-180 giorni. I casi di ritardo e insolvenza dovrebbero registrare un aumento nei pros­simi dodici mesi, soprattutto per quanto riguarda i piccoli fornito­ri. Dopo la riduzione registrata nel 2020 e nel primo semestre del 2021, i casi di fallimento potrebbero tornare a crescere di oltre il 50% nei prossimi 12 mesi.

Alla luce dei problemi di produzione, che dovrebbero presumi­bilmente protrarsi fino alla metà del prossimo anno, ed al forte aumento del rischio di credito tra i fornitori, il nostro approccio assicurativo è prevalentemente restrittivo. Per quanto riguarda i concessionari, il segmento dell’usato rappresenta un’eccezione poiché le imprese hanno beneficiato dei forti aumenti dei prezzi di vendita.

Documenti collegati