Barometro Comportamenti Pagamento Turchia 2017

Barometro sui comportamenti di pagamento

  • Turchia
  • Agricoltura ,
  • Trasporti,

23 maggio 2017

In Turchia nel 2017 è leggermente diminuita la percentuale delle fatture B2B che è stata pagata in ritardo, il 55,9%, rispetto a un anno fa quando era il 57,1%.

Dal 2015 l'incertezza politica ed economica hanno influenzato negativamente l'ambiente imprenditoriale della Turchia e le prospettive per il 2017 rimangono deboli. L'ambiente difficile può aver spinto gli intervistati turchi ad aumentare la protezione contro il rischio di credito e a vendere con termini di credito più stringenti rispetto ai loro omologhi in altri paesi dell'Est europeo.

Vendite a credito

Nel 2017 si è registrata una diminuzione della percentuale del valore totale delle vendite B2B in Turchia. Tuttavia, con il 38,1% del valore totale delle vendite B2B effettuate a credito, la Turchia rimane uno dei paesi dell'Europa orientale più propenso ad utilizzare questo metodo di pagamento.

 

B2B sales on credit in Turkey

 

  • il 47,7% delle vendite verso i clienti domestici B2B è stato effettuato con dilazione dei termini di pagamento. Ciò mostra una diminuzione rispetto al 48,1% registrato nel 2016.

La percentuale di vendite B2B a credito verso clienti esteri ha registrato una diminuzione più significativa, dal 32,4% dello scorso anno al 28,5% nel 2017. Insieme agli intervistati in Polonia, gli intervistati turchi sono tra i meno inclini a offrire condizioni di dilazione ai clienti B2B esteri.

  • Rispetto alle medie dell'Europa orientale (domestico: 42,7%, estero: 37,9%), gli intervistati in Turchia sono più aperti a concedere condizioni di credito ai propri clienti B2B domestici.

Fatture B2B scadute (%)

Rispetto a un anno fa (57,1%), la percentuale di fatture B2B non ancora corrisposte è leggermente diminuita nel 2017 (55,9%). Tuttavia, il tasso di inadempimento di pagamento registrato nel paese nel 2017 è notevolmente superiore alla media dell'Europa orientale (41,5%).

 

Past due B2B receivables in Turkey

 

  • L'89,3% degli intervistati in Turchia ha riferito di avere riscosso con ritardi dai propri clienti B2B negli ultimi anni. Questa frequenza di ritardo nei pagamenti è superiore a quella riportata dagli intervistati nell'Europa orientale complessivamente (83,7%).
  • In media, il 55,9% delle fatture B2B domestiche e straniere non è stato pagato alla scadenza. La Turchia ha la più alta percentuale di fatture B2B in ritardo nell'Europa orientale e la percentuale di fatture scadute è anche significativamente superiore a quella regionale (42,9%).
  • I tempi medi di pagamento in Turchia (DSO) sono aumentati da 63 giorni nel 2016 a 73 giorni quest'anno. Nel 2017, la differenza tra il DSO del paese e il DSO medio regionale (61 giorni) è di quasi due settimane.
  • Guardando al futuro prossimo, il 34,8% degli intervistati turchi non prevede alcuna modifica del proprio DSO annuale. Tuttavia, il 26,3% si aspetta un lieve aumento e il 24,9% una lieve diminuzione. Le piccole differenze tra queste percentuali puntano ancora una volta ad un ambiente imprenditoriale dominato dall'incertezza.

 

Maggiori dettagli sono disponibili nel documento completo scaricabile in fondo alla pagina.

Documenti collegati