Mercati emergenti promettenti 2021

Ricerca Dipartimento Studi Economici

  • Cile ,
  • Egitto ,
  • Malesia ,
  • Vietnam
  • Generale

01 febbraio 2021

Dopo che la pandemia di Covid-19 ha provocato un'onda d'urto all'economia globale, guardiamo al 2021 con la speranza di una graduale ripresa delle economie.

Sintesi

  • La pandemia di Covid-19 ha attraversato come un'onda d'urto l'economia globale, mettendo a dura prova la crescita dei mercati emergenti. Nel 2021 stiamo guardando una nuova speranza, dato che le economie si stanno gradualmente riaprendo.
  • Identifichiamo Cile, Egitto, Senegal, Malesia e Vietnam come mercati che sono ben posizionati per riprendersi da Covid-19 e che hanno condizioni politiche relativamente stabili.
  • Un rimbalzo del commercio globale sta fornendo opportunità per investitori ed esportatori, specialmente nei settori commerciali orientati all'esportazione di questi mercati. Inoltre, in molti di questi mercati, c'è una classe media in crescita, che genera opportunità nei settori orientati al consumo.

     

Promising emerging markets for 2021

Segnali luminosi in un'economia mondiale che comincia appena a riprendersi dal Covid-19

L'anno scorso il nostro principale rischio per l'economia mondiale era una possibile escalation della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina. Tuttavia, all'inizio del 2020, è diventato chiaro che un rischio di natura completamente diversa stava venendo alla ribalta. Un nuovo coronavirus, poi etichettato come Covid-19, emerso per la prima volta nella città cinese di Wuhan, si trasformò in una pandemia e fece precipitare l'economia mondiale in una profonda recessione. Tutte le principali regioni dei mercati emergenti hanno subito un forte calo della crescita del PIL, e la situazione per molte di esse è ancora precaria, poiché le infezioni continuano a diffondersi e i sistemi sanitari sono gravati. All'inizio del 2021, abbiamo tuttavia una rinnovata speranza. Un certo numero di mercati emergenti è riuscito a tenere sotto controllo il virus fin dalla prima epidemia, espandendo rapidamente la loro capacità di test e trattamento, e attuando lockdown locali se necessario. Inoltre, diversi vaccini sono nelle fasi finali di approvazione, e altri sono già in distribuzione, anche gradualmente nelle economie emergenti. Con la lenta riapertura delle economie, la domanda repressa e la ripresa delle esportazioni stimoleranno la crescita del PIL nel 2021.

Con il miglioramento delle prospettive economiche, ci sono opportunità da trovare. Identifichiamo i mercati che hanno prospettive relativamente forti. I mercati promettenti vengono identificati sulla base di tre criteri: (1) il ritmo della ripresa del PIL sulla scia della crisi del Covid-19, (2) un numero relativamente basso di casi di Covid-19 (per 100.000 abitanti), e (3) condizioni politiche e istituzionali stabili. Riconosciamo che per alcuni paesi ci può essere una sottostima dei casi di Covid-19, dato che le capacità di test differiscono da paese a paese. Pertanto, attribuiamo un peso maggiore agli altri due fattori nella selezione dei paesi.

Sulla base di questi criteri generali e della nostra esperienza di mercato, abbiamo identificato Cile, Egitto, Senegal, Malesia e Vietnam come i mercati più promettenti.

Cile: economia diversificata che si è dimostrata resistente contro la Covid-19

Di tutte le regioni dei mercati emergenti, l'America Latina è stata la più colpita dalla pandemia di Covid-19, sia in termini di casi di infezione che di tassi di mortalità. La ripresa sarà parziale e disomogenea, a seconda della disponibilità sul fronte fiscale che i governi hanno per sostenere le loro economie, quanto efficacemente i vaccini possono essere distribuiti, e quanto un paese è dipendente dal turismo. Il Cile ha un ambiente commerciale interessante, sostenuto da istituzioni solide, bassa corruzione e politiche macroeconomiche efficaci. Anche se l'economia è stata colpita dalla pandemia, ha dimostrato di essere resistente allo shock del Covid-19 ed è ben posizionata per una robusta ripresa nei prossimi anni. La sua economia è relativamente diversificata, con una quota di attività lavorative a distanza che è più alta che nella maggior parte dei paesi della regione. La ripresa è iniziata nelle vendite al dettaglio e nel settore manifatturiero nel terzo trimestre del 2020, mentre il turismo e l'ospitalità continuano ad essere deboli. Le entrate delle esportazioni hanno beneficiato di una ripresa del prezzo del rame, il principale prodotto di esportazione del Cile. Il rollout dei vaccini è iniziato e dovrebbe essere uno dei più veloci della regione.

La maggior parte dei paesi della regione ha uno spazio fiscale limitato per sostenere la propria economia, ma il Cile ha una delle posizioni fiscali a medio termine più solide. Il suo debito pubblico relativamente basso gli permette di attuare misure di stimolo fiscale considerevoli (5% del PIL). Il sistema finanziario è ben protetto dagli shock esterni, con standard di credito conservativi e una credibilità della banca centrale ben consolidata. Il Cile ha sofferto di deflussi di capitale nelle prime fasi della pandemia, ma l'accesso sia per il sovrano che per le imprese private è stato rapidamente ripristinato ed è sostenuto da una linea di credito flessibile precauzionale del FMI e da due fondi sovrani.

I settori più performanti in Cile sono l'agricoltura, l'imballaggio e i prodotti farmaceutici. Nell'agricoltura e nell'imballaggio, la domanda di macchinari e tecnologia industriale sta aumentando, fornendo opportunità agli esportatori di questi segmenti. Lo stesso vale per gli esportatori di prodotti farmaceutici, dato che il Cile importa la maggior parte degli articoli correlati.

Egitto: ambizioni di diventare un hub del gas nell'area del mediterraneo

Riteniamo che l'Egitto sia un mercato promettente grazie alla stabilizzazione del suo panorama politico, ai progressi nelle riforme e alla sovraperformance dei peer regionali nella crescita del PIL. Il paese ha mostrato una forte traiettoria di crescita negli ultimi anni, soprattutto grazie a un programma di stabilizzazione macroeconomica che ha avuto grande successo. L'Egitto ha un programma del FMI ed è riuscito a migliorare le finanze pubbliche e a ricostituire le sue riserve internazionali. Ha subito diversi venti contrari legati alla pandemia nel 2020, tra cui un crollo del turismo e un calo del prezzo del petrolio, che ha colpito il settore delle risorse. Questo è stato attutito dal sostanziale allentamento della politica monetaria in aggiunta alla bassa inflazione. Dal 2022 in poi, è probabile che la crescita del PIL converga al suo ritmo pre-crisi. Detto questo, ci sono ancora vulnerabilità in Egitto, tra cui la dipendenza dalle rimesse dei paesi del Golfo e la dipendenza dal turismo.

Dando un'occhiata ai settori, le prospettive per il gas, i prodotti farmaceutici e l'ICT sembrano più favorevoli, e questi sono quelli che hanno attirato più investimenti diretti esteri. Le nuove scoperte di gas espanderanno le esportazioni di gas nei prossimi anni e sosterranno l'ambizione dell'Egitto di diventare un hub del gas nell'area del Mediterraneo. Allo stesso tempo è anche uno dei leader regionali in termini di investimenti in progetti di energia rinnovabile. Inoltre, l'Egitto è stato il primo paese MENA a emettere un green bond alla fine di settembre 2020.

Il governo è concentrato sul passaggio a un'economia digitale e sull'accelerazione della trasformazione digitale del paese, che offre opportunità per le aziende ICT. Oltre alla necessità di combattere la pandemia di coronavirus, la domanda di prodotti farmaceutici sarà guidata da una popolazione in crescita, che porterà ad una maggiore spesa sanitaria. Il settore delle costruzioni beneficerà di diversi progetti infrastrutturali insieme al completamento della nuova capitale.

Senegal: clima politico stabile combinato con istituzioni forti

L'Africa è stato uno degli ultimi continenti a sperimentare le segnalazioni di Covid-19, e molti hanno temuto il peggio. C'erano preoccupazioni significative che alcuni dei paesi meno sviluppati con sistemi sanitari deboli non sarebbero stati in grado di contenere il virus. Il Senegal sta facendo relativamente bene. Ha reagito alla pandemia attuando uno stato di emergenza di tre mesi, dichiarato dal presidente Macky Sall. Questo stato di emergenza è stato revocato a fine giugno, a causa delle ricadute economiche dell'isolamento e delle proteste su larga scala a Dakar. Una seconda ondata della pandemia è in corso dal novembre 2020, anche se il numero assoluto di casi rimane basso. Il Senegal beneficia di un clima politico stabile, di istituzioni democratiche relativamente forti e di una crescita elevata del PIL.

Sectors in the spotlight 2021

Le politiche si concentreranno sull'affrontare le ricadute della pandemia, pur sostenendo un'agenda ampiamente pro-business. Il paese ha sviluppato un piano di risposta nazionale per affrontare le conseguenze della pandemia, che costa circa il 7% del PIL. La crescita nei prossimi anni sarà guidata dallo sviluppo di progetti di nel settore degli idrocarburi e da nuove esplorazioni ed espansioni nel settore minerario, in particolare l'oro. La crescita sarà ulteriormente sostenuta da importanti giacimenti di petrolio e gas che dovrebbero entrare in funzione nel 2023-25, anche se potrebbero esserci dei ritardi a causa della pandemia. Il governo continuerà anche a guidare i lavori pubblici per migliorare le infrastrutture del paese (in particolare la rete di trasporto e la fornitura di energia elettrica). Il governo ha adottato un piano di sviluppo per il paese, il cosiddetto Plan Sénégal Emergent (PSE), che entra nella sua seconda fase nel 2019-23. Il PSE include riforme strutturali per sostenere gli investimenti privati e aumentare la diversificazione economica.

I settori che offrono buone opportunità d'investimento sono l'oil & gas e le infrastrutture. La produzione di petrolio e gas dovrebbe iniziare a partire dal 2022, dando luogo a notevoli opportunità di investimento nei prossimi due o tre anni. La seconda fase del PSE si concentrerà sul miglioramento della produttività, sulla costruzione di ferrovie e strade rurali e sull'elettrificazione dei villaggi. Inoltre, il governo senegalese sta pianificando grandi investimenti nell'energia (cioè parchi eolici e centrali solari) e lo sviluppo del settore minerario - oro in particolare. Tutto questo creerà importanti opportunità a lungo termine per gli esportatori (di beni capitali in particolare), ma anche per i fornitori di servizi di trasporto, stoccaggio e logistica.

Malesia: clima economico favorevole e forza lavoro qualificata

L'Asia emergente è stata la prima regione colpita dalla pandemia di Covid-19, che si è sviluppata inizialmente nella città cinese di Wuhan alla fine del 2019. Mentre la regione è entrata in recessione nel 2020, è stata breve e non così profonda come nel resto del mondo. La regione si è dimostrata relativamente resiliente contro la pandemia grazie a severe misure di blocco, test su larga scala e forse per una popolazione relativamente giovane. Molti paesi della regione mostrano una crescita robusta nel 2021. Vediamo la Malesia come uno dei punti luminosi grazie al suo interessante clima commerciale, alla qualità delle infrastrutture e alla forza lavoro qualificata. Il paese sta andando relativamente bene rispetto al resto della regione in termini di tassi di contagio e decessi Covid-19, ed è ben posizionato per una crescita del PIL abbastanza solida nei prossimi anni. Anche se era in recessione nel 2020, la crescita del PIL dovrebbe rimbalzare al 6,2% nel 2021. Il governo ha annunciato un forte pacchetto di stimolo fiscale per il 2021, con misure per un totale di 322,5 miliardi di RM (65 miliardi di euro). Questo include l'aumento della spesa nei settori sociali e nelle infrastrutture. Data l'appartenenza del paese all'ASEAN, beneficia di forti legami commerciali con i paesi vicini. Una forza lavoro relativamente qualificata sta dando al paese una posizione forte nella produzione elettronica mediamente qualificata. La sua posizione competitiva nel settore manifatturiero è inoltre rafforzata dall'aumento dei salari in Cina.

L'accelerazione della crescita globale rende il 2021 un anno interessante per i settori orientati all'esportazione, come il settore dell'elettronica, e anche il settore agricolo è stato abbastanza resiliente. Il segmento più performante è stato quello dei produttori di plastica e gomma legati all'assistenza sanitaria, con una crescita del 212% su base annua, poiché la domanda globale di guanti di gomma e imballaggi ha continuato ad aumentare durante la pandemia. Le infrastrutture sono un altro settore che offre opportunità. Mentre un certo numero di progetti infrastrutturali sono stati rinviati o ridimensionati a seguito di una revisione di tutti i principali progetti infrastrutturali nel 2018-19, la spesa prevista per lo sviluppo a medio termine e gli afflussi di IDE dovrebbero ancora portare a maggiori investimenti a lungo termine.

Vietnam: il campione regionale delle esportazioni

Il Vietnam ha dimostrato di essere molto resiliente alla pandemia di Covid-19, poiché i casi di infezione e i tassi di mortalità sono rimasti bassi. L'isolamento nazionale è stato revocato ad aprile, e il Vietnam sta lavorando con misure di isolamento locali nel caso ci sia un'epidemia del virus. Il governo ha introdotto un pacchetto di sostegno fiscale del valore di 291,7 trilioni di VND (3,6% del PIL). C'è anche spazio per uno stimolo monetario, ma poiché l'attività economica è in ripresa relativamente veloce, questa opzione non è stata ancora utilizzata. Come uno dei pochi paesi, il Vietnam è riuscito a evitare la recessione nel 2020, e la crescita del PIL dovrebbe accelerare al 7,7% nel 2021. È stato uno dei punti luminosi della regione per un po', essendo una delle economie ASEAN in più rapida crescita e un outperformer regionale per le esportazioni. Il Vietnam è una destinazione attraente per le aziende che vogliono spostare la produzione a bassa qualifica dalla Cina. Oltre ai bassi costi salariali, il paese beneficia della sua partecipazione a diversi accordi commerciali (compresi i recenti accordi commerciali UE-Vietnam e Regno Unito-Vietnam) e delle politiche che favoriscono gli investimenti diretti esteri in entrata. La facilità di fare affari, per la quale il Vietnam tradizionalmente occupava una posizione relativamente bassa, sta migliorando.

Dopo un 2020 difficile, il settore dei trasporti e della logistica ha un forte potenziale di crescita anche nel 2021, grazie alla ripresa della domanda globale. Il tessile è destinato a beneficiare di una domanda globale più forte e degli accordi di libero scambio recentemente conclusi con l'UE e il Regno Unito. La robusta espansione economica e la bassa disoccupazione sostengono la crescita dei salari nel medio termine. L'aumento dei consumi privati offre opportunità particolarmente interessanti per le imprese. Il settore del commercio al dettaglio e dei beni di consumo sarà probabilmente uno dei principali beneficiari, con una crescita prevista del settore del commercio al dettaglio a valore aggiunto dell'8,8% nel 2021.

La forte crescita degli investimenti nell'edilizia e nel settore immobiliare aiuterà probabilmente il settore delle costruzioni. Ci potrebbe essere una battuta d'arresto nel settore immobiliare turistico, che ha attirato forti capitali d'investimento nazionali ed esteri negli anni precedenti, ma l'edilizia residenziale continuerà a registrare buone prestazioni. Il valore aggiunto delle costruzioni dovrebbe aumentare del 6,7% nel 2021. Dopo un calo della crescita nel 2020, anche la crescita del valore aggiunto per l'agricoltura dovrebbe riprendere nel 2021. La domanda di pesticidi e fertilizzanti aumenterà per sostenere la maggiore produzione agricola.

Conclusioni

Dopo la recessione globale indotta dal Covid-19 nel 2020, il 2021 porta la speranza che l'economia mondiale emerga gradualmente dalla pandemia. Le opportunità per il commercio si presentano in diversi mercati emergenti. I paesi elencati sopra sono posizionati per emergere dalla pandemia con buone prospettive di crescita. Le loro economie sono anche note per le loro condizioni commerciali favorevoli e le opportunità di crescita in diversi settori.


Theo Smid, Economist
theo.smid@atradius.com
+31 20 553 2169                        

Documenti collegati