La Brexit interrompe il commercio tra Regno Unito e UE

Ricerca Dipartimento Studi Economici

  • Regno Unito
  • Generale

10 giugno 2021

Il commercio del Regno Unito sta affrontando un doppio colpo da Brexit e Covid-19, mettendo particolarmente a dura prova il commercio con l'UE.

Sintesi

  • Il commercio internazionale del Regno Unito è crollato del 14,3% a/a nel marzo 2021, poiché la fine del periodo di transizione e l'imposizione di un terzo blocco nazionale hanno pagato il loro pedaggio. Il commercio con l'UE è sceso di una grandezza simile al commercio con il resto del mondo, ma questo è fuorviante.

  • Controllando la volatilità legata alla pandemia, il commercio del Regno Unito con l'UE è sceso del 18,9%. Il commercio tra il Regno Unito e i paesi non UE è sceso solo del 9%.

  • I macchinari e le attrezzature di trasporto hanno guidato quasi la metà del declino del commercio tra Regno Unito e UE, nonostante un periodo di grazia nelle regole d'origine per molti beni del settore a causa dei maggiori costi amministrativi e dell'incertezza normativa.

Il commercio del Regno Unito sta affrontando un mix di sfide senza precedenti. La crisi sanitaria e il relativo blocco stimolato dalla pandemia hanno fatto crollare la domanda, sia sul mercato interno che all'estero. Le barriere alle frontiere dovute ai controlli sanitari e alle restrizioni di viaggio hanno limitato il commercio tra Regno Unito e UE, mentre le interruzioni delle attività commerciali hanno contribuito alla volatilità nella raccolta dei dati. Tutto ciò è avvenuto in un momento di crescente incertezza riguardo alle future relazioni commerciali con l'UE. L'accordo commerciale e di cooperazione (TCA) firmato tra l'UE e il Regno Unito nelle ultime ore del 2020 ha offerto un po' più di ottimismo per le prospettive del 2021. Le merci possono continuare ad essere scambiate liberamente, ma le barriere non tariffarie sotto forma di burocrazia doganale e l'incertezza normativa stanno disturbando il commercio UK-UE. In questa nota di ricerca, ci immergiamo nelle ultime statistiche commerciali del Regno Unito per determinare in che misura.

La quota di commercio del Regno Unito con l'UE continua a diminuire

Il commercio del Regno Unito sta scendendo a tassi storicamente elevati, contraendosi del 14,3% a/a nei 12 mesi che portano a marzo 2021. Le esportazioni sono state le più deboli, con un calo del 17,4% su base annua, rispetto al calo dell'11,8% delle importazioni. Un chiaro punto di svolta nella contrazione del commercio sembra essere stato raggiunto nel gennaio 2021, come mostrato nella figura 1. Questo ha segnato il primo mese sotto la nuova relazione commerciale così come l'entrata in vigore del terzo blocco nazionale.

Figure 1 UK trade contraction bottoming out at record low

Il commercio con l'UE si è contratto a un tasso più alto per la maggior parte del 2020 rispetto al commercio con il resto del mondo. La domanda nell'UE è stata gravemente colpita dalle misure per combattere il coronavirus, ma data l'entità significativamente maggiore della contrazione del commercio, suggerisce anche che l'incertezza della Brexit ha giocato un ruolo significativo. A dicembre, la tendenza al ribasso del commercio UE ha cambiato rotta in linea con l'accumulo di scorte in vista della fine del periodo di transizione. Nei primi tre mesi del 2021, la crescita del commercio del Regno Unito con l'UE è stata più o meno la stessa di quella con gli stati membri non UE. La crescita totale del commercio ha iniziato a risalire dal minimo di -17,1% di gennaio, con l'entrata in gioco degli effetti di base e il miglioramento della fiducia.

Poiché c'è solo un trimestre di dati da quando l'accordo di libero scambio tra l'UE e il Regno Unito è stato firmato, c'è uno sviluppo notevole. Il Q1 2021 è il primo trimestre dall'inizio delle registrazioni in cui il valore delle importazioni dall'esterno dell'UE ha superato quello dell'UE, totalizzando il 51,1% delle importazioni del Regno Unito. La quota dell'UE sul totale delle importazioni del Regno Unito è scesa di circa cinque punti percentuali dall'inizio del 2018, mentre la quota delle esportazioni è scesa di quattro punti percentuali al 45,6%.

Il commercio con l'UE è stato significativamente più colpito di quello con i non UE

Il commercio tra il Regno Unito e l'Unione europea è sceso a livelli mai visti dall'inizio del 2016. La figura 2 presenta l'indice complessivo del commercio di beni diviso tra i flussi commerciali con l'UE e i non UE. Il commercio con l'UE e al di fuori dell'UE è aumentato a tassi simili fino al 2018. Mentre l'incertezza della Brexit è aumentata e la crescita del commercio con l'UE ha iniziato a rallentare, il commercio con il resto del mondo ha continuato a crescere. La divergenza è cresciuta quando il commercio extra-UE ha accelerato alla fine del 2018 e ha continuato a crescere, anche se a un ritmo più lento, attraverso il 2019 mentre il commercio dell'UE ristagnava.

Figure 2 Brexit's brakes on UK-EU trade since 2017 worsen impact of Covid-19

La forte contrazione sotto Brexit e Covid-19 è guidata in parti quasi uguali dall'UE e dal resto del mondo. Della contrazione del 14,3% del commercio totale del Regno Unito nell'ultimo anno, il 7,1% è dovuto al commercio con l'UE. Considerando che questo è quasi uguale al contributo del 7,2% del commercio extra-UE al declino, è chiaro che l'effetto della pandemia sul commercio internazionale del Regno Unito è maggiore di quello della Brexit in questo momento. Inoltre, la ripidità del calo dei livelli commerciali visto nei primi mesi del 2021 è chiaramente maggiore con l'UE.

Figure 3 UK-EU trade worse off due to additional Brexit effects

2018 is taken as a year with which to compare current levels as it’s the last year before key Brexit deadlines began contributing to volatility. Looking at UK export and import flows with the EU in figure 4 we can see steady growth through 2018, albeit slowing and diverging. Export growth began outpacing import growth, in part driven by exchange rate fluctuations. The triggering of Article 50 on 27 March 2017, formally beginning the withdrawal process, drove up uncertainty, weighing down the value of sterling.

Figure 4 UK-EU trade gains since Brexit referendum wiped out

Nel 2019, la volatilità è aumentata mentre le scadenze previste andavano e venivano e il commercio con l'UE si muoveva in modo piuttosto piatto. I guadagni commerciali tra l'UE e il Regno Unito ottenuti dal 2016 sono stati cancellati nel 2020. Questo brusco calo è in linea con la corsa verso la scadenza del periodo di transizione alla fine del 2020. A questo punto, è evidente che l'incertezza da sola gioca un ruolo maggiore nel ridurre il commercio rispetto al cambiamento del regime commerciale stesso. L'elevata incertezza che circonda il futuro accordo commerciale ha contribuito a ridurre gli investimenti complessivi (una componente dell'attività economica ad alta intensità di commercio) e lo spostamento delle catene di approvvigionamento lontano dai sistemi internazionali, pesando ulteriormente sul commercio.

In linea con queste sfide, il commercio complessivo del Regno Unito è sceso del 16% nel Q1 rispetto al Q4 2020. Il commercio con l'UE, che copre ora poco meno della metà del commercio totale del Regno Unito, è sceso del 22,4%, con forti cali nei suoi maggiori partner commerciali. La contrazione del commercio con l'UE è ampiamente basata su tutti i paesi partner. La figura 5 mostra la crescita del commercio tra il Regno Unito e i cinque più importanti partner commerciali dell'UE. Il più grande partner commerciale del Regno Unito nell'UE è la Germania, che rappresenta quasi un quarto del totale del commercio bilaterale di beni. Il commercio del Regno Unito con la Germania è sceso del 22,4%. Il commercio con la Francia, il terzo più grande partner commerciale del Regno Unito nell'UE, sta vivendo la più grave contrazione del commercio, 26,1%. Il commercio con l'Irlanda ha subito la contrazione più forte con un calo del 37%. Il valore delle esportazioni verso l'Irlanda è sceso del 42,7%. Questo è un grande effetto Brexit con alcuni effetti di accumulo di scorte in gioco qui nel Q4 2020, in particolare nelle esportazioni di prodotti chimici e farmaceutici.

Figure 5 Trade with Irelands contracts strongest in Q1 2021

La British Chambers of Commerce's 2021 Q1 Economic Survey riporta che il 41% delle aziende ha riportato un calo delle vendite nel Q1. Le vendite all'esportazione sono storicamente basse e si stanno deteriorando. Le imprese di vendita al dettaglio e all'ingrosso, per esempio, hanno visto le loro esportazioni scendere del 60%. A parte le cifre commerciali volatili, è evidente che le imprese sono alle prese con spese più elevate, come i ritardi della catena di approvvigionamento nel settore manifatturiero. Secondo l'ultimo Business Insights and Conditions Survey dell'ONS, la sfida più comune sia per gli importatori che per gli esportatori è la documentazione aggiuntiva.

Una ripartizione settoriale della crescita annuale delle esportazioni è disegnata nella figura 6, mostrando che il calo complessivo del commercio è guidato dai combustibili. Le esportazioni di combustibili sono scese del 37,6% su base annua a marzo, con le esportazioni verso Francia e Germania in particolare a guidare il declino. In termini di valore, tuttavia, le esportazioni di combustibili hanno totalizzato 14,2 miliardi di sterline, il 10% delle esportazioni verso l'UE.

Il più grande settore di esportazione verso l'UE è quello dei macchinari e delle attrezzature di trasporto. Rappresentando un terzo delle esportazioni britanniche verso l'UE, la contrazione del 19,8% del settore è il motore principale del calo delle esportazioni totali verso l'UE. Oltre alla mancanza di tariffe e quote, la transizione del settore è ulteriormente favorita da un periodo di grazia sulle regole di origine fino alla fine del 2021. Questo offusca però le prospettive di ripresa. L'impatto delle barriere non tariffarie sulle catene di approvvigionamento aumenta i costi per l'industria. Anche l'incertezza normativa continua a pesare sul commercio, come ad esempio la regolamentazione della sicurezza aerea. Le preoccupazioni sulla catena di approvvigionamento e le maggiori barriere non tariffarie hanno un impatto negativo anche sulle imprese manifatturiere.

Figure 6 Nearly all UK sectors facing lower trade

Le esportazioni di prodotti chimici del Regno Unito stanno superando la maggior parte degli altri settori con un'espansione del 3,4% nell'ultimo anno, ma le importazioni dall'UE sono in calo del 5,1%. Un ulteriore effetto negativo della Brexit, oltre all'aumento delle formalità in gioco, è la clausola di origine nel TCA. Il commercio di beni UK-UE è esente da tariffe solo se almeno il 50% del valore dei beni è creato nel Regno Unito o nell'UE. Con grandi catene di approvvigionamento transfrontaliere nel settore chimico, dimostrare questo può essere un mal di testa per alcune aziende commerciali e aumenta i costi del commercio.

La Brexit rimane una chiara sfida per il commercio tra Regno Unito e UE

È chiaro che il commercio del Regno Unito è stato scosso sia dalla Brexit che, ancora più intensamente, dalla Covid-19, ma c'è un impatto notevole che può essere attribuito alla Brexit. Il commercio con l'UE nel Q1 2021 è sceso molto più bruscamente di quello con il resto del mondo quando si confronta con il Q4 2020, gli ultimi mesi del periodo di transizione del Regno Unito. Inoltre, confrontando gli attuali livelli di commercio con quelli prima della volatilità che circonda l'uno o l'altro evento, si nota un calo molto più sostanziale nel commercio con l'UE rispetto ai paesi non UE. Mentre è troppo presto per determinare il nesso causale diretto, è chiaro che le sfide al commercio tra l'UE e il Regno Unito associate alla Brexit stanno esacerbando l'ambiente commerciale già debole causato dalla pandemia globale.

 

Dana Bodnar, Economist

dana.bodnar@atradius.com
+31 20 553 3165

Documenti collegati