Francia: l'assicurazione mitiga il rischio sui crediti

Barometro sui comportamenti di pagamento

  • Francia
  • Agricoltura ,
  • Costruzioni ,
  • Alimentare ,
  • Servizi

24 novembre 2021

I ritardi nei pagamenti sono un problema diffuso tra le imprese francesi. Secondo quanto riferito, l'uso dell'assicurazione le aiuterà a mitigare l'impatto del rischio sui crediti commerciali.

Introduzione

Per l'economia francese, le prospettive per il 2022 sono positive con la maggior parte degli economisti che prevedono una crescita del PIL tra il 4,0% e il 5,3%. Questo scenario trova eco nei risultati di quest'anno dell'indagine Barometro sui comportamenti di pagamento in Francia. Questi rivelano che più vendite sono state completate utilizzando il credito commerciale rispetto all'anno scorso, suggerendo una maggiore fiducia delle imprese. Detto questo, i ritardi di pagamento sono ancora un problema diffuso tra le aziende intervistate. Nel complesso, quasi la metà di tutte le vendite B2B sono avvenute in ritardo per i nostri intervistati. Per mitigare l'impatto negativo del rischio di credito dei clienti sull'azienda, gli intervistati francesi che non hanno utilizzato l'assicurazione del credito hanno registrato un aumento dei costi di gestione dei crediti nel corso dell'anno passato. Quelli con l'assicurazione del credito non l'hanno fatto.

Principali risultati dell'indagine

  • Le vendite a credito a clienti B2B effettuate dalle aziende intervistate in Francia sono aumentate nell'ultimo anno. Il motivo più comune per offrire credito è stato quello di stimolare la crescita delle vendite, in gran parte per aumentare il business con i clienti esistenti.
  • I ritardi di pagamento da parte dei clienti B2B riguardano il 48% del valore totale delle fatture B2B in Francia, la stessa percentuale dello scorso anno. Il 7% è stato cancellato come inesigibile, una percentuale simile all'8% dello scorso anno.
  • Nonostante il valore totale delle fatture scadute e delle cancellazioni non sia aumentato di molto da un anno all'altro, è probabile che la durata delle fatture B2B rimaste in sospeso sia aumentata, dato che il 40% delle aziende intervistate in Francia ha riportato un deterioramento del DSO.
  • Per proteggere la propria attività dal rischio di credito dei clienti, le aziende intervistate in Francia hanno riferito di utilizzare una serie di tecniche di mitigazione del rischio di credito, molte delle quali sono state utilizzate in combinazione con altre. Sebbene la più comunemente segnalata quest'anno sia stata l'autoassicurazione, diverse aziende ci hanno anche detto che intendono stipulare una polizza assicurativa dei crediti l'anno prossimo.
  • Guardando al 2022, il 67% delle aziende intervistate in Francia ha espresso ottimismo e previsto una crescita. Il 40% prevede che l'aumento delle vendite di credito sarà utilizzato come modo per finanziare i clienti in difficoltà finanziaria.La maggior parte delle imprese riconosce l'incertezza sulla pandemia e il suo potenziale impatto continuo sull'economia nazionale e globale.
  • Alla domanda su quali cambiamenti indotti dalla pandemia diventeranno una caratteristica costante del loro modo di lavorare, il 53% ha detto di aver integrato in modo permanente alcune tecnologie digitali, in particolare nell'area dello smart working e dell'e-commerce.

Per avere maggiori informazioni

Il Barometro sui comportamenti di pagamento in Francia fornisce approfondimenti sulle abitudini di pagamento B2B e sull'approccio delle aziende alla gestione del rischio di credito dei clienti nei seguenti settori:

  • Agro - alimentare
  • Costruzioni
  • Materiali da costruzione
  • Servizi

Per una panoramica completa, è possibile scaricare il report completo del paese disponibile nella sezione Documenti collegati. L'appendice statistica e i risultati del sondaggio del Barometro sulle abitudini di pagamento in Europa Occidentale sono anch'essi disponibili per il download gratuito.

Tutti i  contenuti di questa pagina sono soggetti al nostro Disclaimer, disponibile qui.