Rapporto Paese Cile - Maggio 2021

Rapporto Paese

  • Cile
  • Generale

11 maggio 2021

L'ambiente economico cileno rimane uno dei migliori della regione, ma una maggiore incertezza politica potrebbe pesare sulle prospettive economiche.

Situazione Politica

L'incertezza politica è aumentata

Nell'ottobre 2019, sono scoppiate disordini sociali di massa, a causa di una profonda frustrazione tra gran parte della popolazione per la crescente disuguaglianza, l'aumento del costo della vita e l'accesso iniquo ai servizi pubblici. Una delle richieste chiave dei manifestanti era quella di riformare la vecchia costituzione dell'era Pinochet, che sostengono che ha radicato le disuguaglianze dando al settore privato il controllo di salute, istruzione, alloggi e pensioni. Il governo ha infine ceduto e ha annunciato un referendum per cambiare la costituzione. Il referendum si è tenuto nell'ottobre 2020, con un'affluenza del 51%, e il 78% ha votato a favore. Di conseguenza, un'altra votazione è prevista per il 15-16 maggio 2021 per selezionare 155 persone che formeranno una convenzione che redigerà la nuova costituzione.

Il processo di riscrittura e approvazione di una nuova costituzione durerà fino al 2022 e pone molte sfide. Questo si aggiungerà all'incertezza politica, che potrebbe pesare sulle prospettive economiche e sul clima dei mercati finanziari.

Il governo in carica sotto il presidente Sebastián Piñera e il suo centro-destra "Chile Vamos" non hanno la maggioranza al Congresso. Gli indici di gradimento del presidente sono scesi perché ha ripetutamente cercato di bloccare le popolari leggi sul ritiro delle pensioni nel 2020 e all'inizio del 2021 (le leggi permettono ai lavoratori di attingere a una parte dei loro fondi) in un contesto di aumento della povertà e della disoccupazione a causa della pandemia. Le elezioni presidenziali e parlamentari si terranno nel novembre 2021 (il presidente Piñera non si ricandiderà).

Situazione Economica

Prevista una robusta crescita economica del 7% nel 2021

Nel 2020 il PIL si è contratto del 6%, a causa dell'impatto negativo delle condizioni meteorologiche avverse sull'attività mineraria, della guerra commerciale USA-Cina, dei continui disordini sociali e della pandemia di coronavirus. Tuttavia, un rimbalzo è iniziato dal terzo trimestre del 2020, e nel 2021 si prevede che l'economia cresca fortemente del 7%, aiutata da un rapido lancio delle vaccinazioni. Le esportazioni e i prezzi del rame sono tornati a salire, e i consumi privati dovrebbero crescere di oltre l'8%, sostenuti dalle ricevute di ritiro delle pensioni. Nel frattempo, gli investimenti fissi reali aumenteranno di circa l'8,5%. L'inflazione rimane all'interno della gamma di obiettivi della Banca Centrale del 2%-4%.

L'economia cilena è ancora fortemente dipendente dalle esportazioni di rame (che rappresentano più del 40% dei proventi delle esportazioni e il 10% del PIL) e dalla successiva domanda della Cina, che rappresenta più del 30% delle esportazioni cilene. Tuttavia, a causa delle riforme fiscali, la dipendenza delle entrate del governo dai guadagni del rame è diminuita, da più del 25% al 10% nell'ultimo decennio. Inoltre, le destinazioni di esportazione diversificate attraverso una vasta rete di accordi commerciali esteri mitigano in qualche modo il rischio commerciale. Nel frattempo, il settore dei servizi rappresenta più del 60% del PIL. Mentre il Cile è altamente integrato nei mercati finanziari globali, l'elevato stock di investimenti di portafoglio da parte di non residenti (più del 250% delle riserve ufficiali) lo rende vulnerabile ai cambiamenti del sentimento del mercato.

Un settore bancario resiliente e ben regolamentato

Il settore bancario cileno è prevalentemente di proprietà di banche straniere (circa il 60%). Dopo l'adozione di una legge bancaria nel 2019, il quadro normativo è stato allineato a Basilea III nel marzo 2021. Le riserve di capitale sono adeguate e la qualità del credito è buona, riflettendo pratiche di prestito conservative. I prestiti in sofferenza sono rimasti bassi negli ultimi anni (circa il 2% in media) e sono completamente coperti.

La principale vulnerabilità è l'esposizione ai cambiamenti del sentimento del mercato, poiché il settore è un debitore esterno netto e i depositi non coprono completamente i prestiti. Tuttavia, la dipendenza dal finanziamento interbancario esterno all'ingrosso è bassa, poiché le banche fanno affidamento sul finanziamento interno (principalmente fondi pensione privati).

L'elevata spesa pubblica è accessibile grazie a una solida posizione fiscale

Per mitigare l'impatto economico della pandemia, la Banca centrale ha tagliato il tasso d'interesse di riferimento di 125 punti base al minimo storico dello 0,5% e ha adottato misure per sostenere le linee di credito per i consumatori e le imprese all'inizio del 2020.

Le misure fiscali per sostenere l'economia sono state pari a circa l'8,5% del PIL. Pertanto, il deficit fiscale è aumentato al 7,4% del PIL nel 2020 e rimarrà elevato nel 2021 e nel 2022 (rispettivamente a circa il 6% del PIL e il 4,5% del PIL), poiché la spesa pubblica estesa continuerà. Il governo ha istituito un cosiddetto "Paso a Paso: Chile se Recupera" (il Cile recupera passo dopo passo) un piano d'investimento del valore di 12 miliardi di dollari, principalmente per la spesa sociale, la creazione di posti di lavoro e gli investimenti in infrastrutture.

Il Cile ha una solida posizione fiscale a medio termine, che gli permette di attuare il considerevole stimolo fiscale. Mentre il debito pubblico aumenterà al 40% del PIL nel 2021, questo è ancora basso rispetto ai paesi del sud America. La struttura del debito pubblico rimane a basso rischio, in quanto la maggior parte è denominata in peso (77%) e detenuta a livello nazionale (72%; cioè i fondi pensione) con scadenze lunghe, mitigando i rischi di cambio e di rifinanziamento. Inoltre, due fondi sovrani (SWF) che ammontano a quasi l'8% del PIL, insieme alla posizione di creditore esterno netto del Cile, mitigano il rischio sovrano.

La resistenza dell'economia agli shock rimane forte, date le politiche macroeconomiche prudenti, un regime credibile di obiettivi di inflazione da parte della Banca Centrale, un settore bancario solido, l'uso di coperture naturali e finanziarie e abbondanti riserve (compresi i risparmi fiscali nei due fondi sovrani). Un tasso di cambio flessibile funge da efficace ammortizzatore, mitigando l'impatto dei prezzi del rame e la volatilità della domanda esterna. Nelle prime fasi della pandemia di coronavirus, i prezzi del rame si sono deteriorati e i capitali sono stati ritirati dal paese, portando a un deprezzamento del 15% del peso rispetto al dollaro. Tuttavia, l'accesso al capitale sia per il governo che per le imprese private è stato rapidamente ripristinato, e grazie alla ripresa dei prezzi del rame e agli afflussi di capitale, il peso si è completamente ripreso. Tuttavia, ci si aspetta che la valuta rimanga volatile nei prossimi mesi, poiché l'incertezza politica legata alla stesura e all'approvazione di una nuova costituzione potrebbe influenzare il sentimento del mercato.

Solida posizione esterna e debito estero sostenibile

Nonostante gli aumenti dal 2019, il debito estero rimane sostenibile. La maggior parte del debito estero riguarda il settore privato (68% imprese, 15% banche, 17% sovrano). L'accesso ai mercati internazionali dei capitali sia del settore sovrano che di quello privato rimane solido.

Anche se le riserve ufficiali sono diminuite a causa dei deflussi di capitale dovuti alla pandemia, esse coprono ancora più di 6 mesi di importazioni e quasi l'intero fabbisogno di finanziamento esterno, e sono sostenute dai due fondi sovrani. Al fine di resistere alla volatilità legata alla pandemia e di rafforzare il sentimento del mercato, il Cile ha ricevuto dal FMI una linea di credito flessibile (FCL) incondizionata di 24 miliardi di dollari per due anni, che intende trattare a titolo precauzionale. Un tale strumento viene fornito solo ai paesi con un solido quadro di politica macroeconomica.

Il Cile rimane aperto al commercio internazionale, mantenendo un solido ambito commerciale

L'ambiente imprenditoriale cileno rimane uno dei migliori della regione, sostenuto da istituzioni solide, bassa corruzione e politiche macroeconomiche efficaci, mentre gli oneri normativi rimangono ancora un problema. Il buon accesso al capitale estero e nazionale da parte delle aziende locali riduce i rischi di rifinanziamento.

Il Cile ha 30 accordi bilaterali e multilaterali di libero scambio con più di 60 paesi. Gli accordi commerciali bilaterali coprono la maggior parte delle più grandi economie del mondo, compresi gli Stati Uniti, l'UE, la Cina, il Giappone, il Canada e l'Australia. Il Cile ha recentemente ratificato accordi bilaterali con il Brasile (il suo più grande partner commerciale in America Latina) e l'Ecuador, che saranno vantaggiosi per l'integrazione regionale e la crescita economica nel lungo periodo.

Attualmente, i settori più performanti in Cile sono l'agricoltura, l'imballaggio e i prodotti farmaceutici. Nell'agricoltura e nell'imballaggio, la domanda di macchinari e tecnologia industriale sta aumentando, offrendo opportunità agli esportatori di questi segmenti. Lo stesso vale per gli esportatori di prodotti farmaceutici, dato che il Cile importa la maggior parte degli articoli correlati.

Documenti collegati