Argentina: il tempo scorre 100 giorni dopo le elezioni

Ricerca Dipartimento Studi Economici

  • Argentina
  • Generale

11 febbraio 2020

Il titanico compito di ristrutturare il debito dell'Argentina è in corso, ma il rischio di un default disordinato rimane alto.

  • La nuova amministrazione cambia rotta verso politiche economiche meno ortodosse e più interventiste
  • Il processo di riscadenziamento del debito è iniziato, ma la tempistica è ambiziosa
  • Manca ancora un piano economico globale e il ruolo del FMI non è chiaro
  • Rimane alto il rischio di un default del debito
  • Tuttavia, dato il grande impatto negativo che un'insolvenza avrebbe sull'economia e sulla società, riteniamo che la probabilità che il governo e i debitori raggiungano un qualche tipo di accordo sia leggermente più elevata

Un faticosa attività di mediazione

Sono passati un centinaio di giorni da quando il peronista di centro-sinistra Alberto Fernández ha vinto le elezioni presidenziali in Argentina il 27 ottobre 2019. Ha assunto la carica il 10 dicembre, insieme all'ex presidente (2007-15) e nuova vicepresidente, Cristina Fernández de Kirchner (nessuna parentela).  Le priorità principali della nuova amministrazione sono il rilancio dell'economia, la ristrutturazione del debito sovrano per evitare un default del debito disordinato e la ricostruzione della fiducia.

Tuttavia, la formazione di questo nuovo governo, così come le recenti azioni politiche, evidenziano una faticosa attività di mediazione che il nuovo presidente deve affrontare, cercando di rispondere alle diverse richieste delle differenti fazioni peroniste, del popolo argentino e degli investitori. Tra le tante incertezze, una cosa è certa: il disagio economico per gli argentini non è ancora finito.

I nuovi segnali del governo si orientano verso politiche economiche meno ortodosse

Il presidente Alberto Fernández è generalmente considerato un peronista moderato, a differenza della vicepresidente Cristina Fernández de Kirchner, che appartiene alla fazione di sinistra. Il nuovo gabinetto sembra essere un compromesso tra i peronisti moderati e quelli fedeli alla signora Fernández de Kirchner (i cosiddetti "Kirchneristi"). Le scelte di Fernández per le cariche economiche chiave dimostrano il suo approccio centrista, ma indicano anche chiaramente un allontanamento dalle politiche ortodosse perseguite dall'ex governo Macri (2015-19). Tra questi, l'economista e critico del FMI Mártin Guzman come ministro dell'economia e Miguel Angel Pesce come governatore della banca centrale. Pesce è stato vicepresidente della banca centrale (2004-15) sotto diversi governi Kirchner ed è stato un critico della politica monetaria ortodossa sotto Macri. Alcune altre posizioni chiave sono andate alla sinistra dei Kirchneristi, tra cui i ministri dell'agricoltura, degli interni e della difesa, il capo dell'autorità fiscale del governo e il procuratore generale.  Inoltre, la signora Fernández de Kirchner ha un potere significativo nel Congresso, che il vicepresidente presiede costituzionalmente, e dove suo figlio Máximo Kirchner è a capo del blocco peronista della camera bassa.

Misure ad hoc per stabilizzare l'economia, ma manca ancora un piano globale

L'economia argentina è in recessione dal 2018 (si prevede una contrazione del 2,4% nel 2019 e una contrazione dell'1,2% nel 2020). L'inflazione è ancora estremamente elevata con un tasso annuo superiore al 50%, la disoccupazione è superiore al 10% e il tasso di povertà è salito a più di un terzo della popolazione. Tutto questo fa seguito a diverse crisi di fiducia, l'ultima delle quali l'estate scorsa, quando l'ex presidente Macri ha perso inaspettatamente le elezioni primarie. Esse si sono tradotte in un massiccio deprezzamento del peso (del 50% nel 2018 e del 37% nel 2019), costringendo il precedente governo a imporre restrizioni valutarie parziali a partire dal settembre 2019 e a richiedere una nuova pianificazione del debito in valuta estera sulla scia di un picco di ammortamento del debito nel 2020, della diminuzione delle riserve di valuta estera e del fallimento del programma del FMI.

Nel giro di poche settimane dall'insediamento, il nuovo governo ha varato diverse misure di emergenza per il rilancio dell'economia. Il congelamento dei prezzi dei servizi pubblici è stato prorogato di sei mesi, i prezzi dei medicinali sono stati ridotti, i salari del settore pubblico e privato sono stati aumentati, i gruppi più vulnerabili della popolazione hanno ricevuto sgravi fiscali e un bonus una tantum per le pensioni minime, e alle piccole e medie imprese in difficoltà sono state fornite opzioni di rifinanziamento. Oltre a queste misure fiscali, il nuovo presidente della banca centrale Pesce ha tagliato i tassi d'interesse cinque volte dall'inizio del suo mandato, passando dal 63% al 48% dal 30 gennaio 2020, il che significa che i tassi reali sono ora negativi.

Per sostenere le finanze pubbliche, prevenire la fuga di capitali e proteggere le riserve ufficiali, il governo ha adottato ulteriori misure. Ha raddoppiato la tassa sulla proprietà personale, ha rafforzato i controlli sui cambi esistenti, ha aumentato i dazi sulle esportazioni agricole (12% per una serie di prodotti agricoli e 30% per i prodotti a base di soia), e ha introdotto una nuova tassa del 30% sui risparmi individuali in dollari USA (nazionali ed esteri) e sugli acquisti in dollari USA (per beni e servizi). Ciò significa che tutti gli acquisti in dollari (risparmi, carte di credito, viaggi, ecc.) sono ora tassati al 30%, con poche eccezioni.

Tutte queste misure sono state considerate in generale piuttosto pragmatiche. Poiché hanno dimostrato un certo impegno alla prudenza fiscale, i mercati del debito locale hanno riaperto dopo la sospensione dell'attività dell'agosto-novembre 2019. Finora l'amministrazione è riuscita a stabilizzare le riserve ufficiali e il tasso di cambio, sebbene si stiano accumulando pressioni sulla valuta: il peso è scambiato sul mercato nero a circa 78 per ogni dollaro rispetto al tasso di cambio ufficiale di circa 60 per dollaro. Questa pressione riflette il fatto che, in generale, il sentiment degli investitori rimane debole e che le misure attuali ostacoleranno gli investimenti, aumenteranno le pressioni inflazionistiche e ridurranno la crescita economica a lungo termine.

1 Reserves and currency staying stable in 2020

Avviato un ambizioso processo di ristrutturazione del debito

La ristrutturazione del debito sovrano è la massima priorità del nuovo ministro dell' economia Guzmán. In accordo con il FMI, quest'anno il governo federale si trova di fronte a rimborsi del debito per circa 80 miliardi di dollari, di cui quasi 35 miliardi di dollari in valuta estera. Due terzi di questo rimborso del debito in valuta estera - 23 miliardi di dollari - sono dovuti a creditori privati. Poiché una parte sostanziale di questa somma è già dovuta nel secondo trimestre (cfr. grafico), il governo ha poco tempo per concludere un accordo, fissando la scadenza del 31 marzo per la conclusione dei negoziati sul debito. Si tratta di un obiettivo molto ambizioso, anche perché il processo è stato finora molto lento. Mentre il gruppo di circa 80 obbligazionisti internazionali è riuscito a creare un gruppo di creditori lo scorso dicembre, il governo ha aspettato la seconda metà di gennaio per avviare formalmente il processo (cfr. la timeline). Inoltre, il calendario è molto serrato e lascia agli obbligazionisti internazionali poco tempo per accettare l'offerta.

2 Upcoming spikes in debt due in 2020

Nel frattempo il governo ha avviato la ristrutturazione del debito in valuta locale, quando ha scambiato l'equivalente di circa 1,7 miliardi di dollari USA di titoli di debito a breve termine in valuta locale a tasso fisso (LECAP) in scadenza nei prossimi mesi con nuovi strumenti a tasso variabile in scadenza nel corso dell'anno. Questo scambio (volontario) di debito non solo ha allungato le scadenze, ma ha anche comportato una riduzione del servizio del debito di circa il 16%. Le agenzie di rating hanno risposto con un downgrade dei rating sovrani in valuta locale per l'Argentina ad un default selezionato. Hanno mantenuto i rating del debito sovrano in valuta estera nella categoria C, il che implica un'alta probabilità di default per le obbligazioni in valuta estera dell'Argentina. Questo scambio di debito ha anche confermato la convinzione degli investitori che la ristrutturazione delle obbligazioni internazionali implicherà un ampio taglio, anche se il presidente Fernández aveva inizialmente dichiarato di puntare ad una ristrutturazione di tipo "Uruguay type", che implicava solo un allungamento delle scadenze. I mercati hanno risposto negativamente alla borsa del debito con i prezzi dei credit default swap (CDS) a cinque anni che hanno superato i 5.000 punti base da 4150 prima della sostituzione.

Il modo in cui la provincia di Buenos Aires all'inizio di gennaio è sfuggita per un pelo all'inadempienza di un'obbligazione internazionale suggerisce che i detentori di obbligazioni internazionali, molti dei quali detengono anche obbligazioni sovrane, adotteranno una posizione ferma. La provincia aveva chiesto una proroga di tre mesi per un pagamento del debito di 250 milioni di dollari, e il processo di negoziazione è stato generalmente visto come la prima grande prova di come si comporteranno le autorità argentine e i creditori dei loro titoli internazionali. Nonostante le forti pressioni esercitate dal governo federale sui detentori delle obbligazioni ad accettare la proroga, il governo locale è rimasto al di sotto del 75% del tasso di approvazione necessario ed ha effettuato il pagamento.

Manca ancora chiarezza sulle politiche e sui programme chiave del FMI

Il successo dei colloqui sul debito sovrano richiede una maggiore chiarezza sulle politiche economiche del governo e sul ruolo del FMI. La nuova amministrazione si trova di fronte ad un difficile equilibrio - tra gli impegni della campagna di non adottare più misure di austerità e le richieste degli investitori di un chiaro piano macroeconomico per migliorare la sostenibilità a lungo termine delle finanze pubbliche. Il Ministro dell'Economia Guzmán ha avuto diversi incontri con i funzionari del FMI nelle ultime settimane e una missione tecnica del FMI dovrebbe visitare Buenos Aires dal 12 al 14 febbraio per uno scambio di opinioni sui piani macroeconomici e per valutare la sostenibilità del debito sovrano. Tuttavia, il calendario previsto di soli tre giorni sembra troppo breve per indagare sulla possibilità di un programma che sostituisca l'accordo in stand-by del FMI da 57 miliardi di dollari, che è in fase di stallo da quando la crisi di fiducia è iniziata l'estate scorsa. Inoltre, anche le recenti dichiarazioni alla stampa di Guzmán, secondo cui il governo non accetterebbe le condizioni del FMI, non sono molto rassicuranti.

3 Argentina's debt restructuring timeline

Un default non ordinato sarebbe dannoso per l'obiettivo di rilanciare l'economia

Considerati i tempi stretti, la mancanza di un piano economico globale, l'incertezza sulle intenzioni del governo nei confronti del FMI e il basso livello delle riserve ufficiali, il rischio di un'insolvenza disordinata del debito è elevato. Tuttavia, un tale default andrebbe a scapito dell'obiettivo di rilanciare l'economia e di ricostruire la fiducia. Distruggerebbe la poca fiducia rimasta, comporterebbe un deprezzamento del peso, un aumento dell'inflazione, un ulteriore inasprimento dei controlli valutari e porterebbe a un ritorno allo status di paria che il Paese aveva sui mercati internazionali dei capitali tra il 2001 e il 2014.

Tutto ciò renderebbe impossibile al governo finanziare i suoi programmi sociali e riavviare l'economia, il che a sua volta significherebbe che l'economia continuerebbe a contrarsi, sollevando proteste sociali e riducendo le possibilità di Fernández di vincere le elezioni di metà mandato nel 2021. Considerato l'impatto di un default disordinato sulla società, valutiamo quindi una probabilità leggermente superiore della possibilità di raggiungere un qualche tipo di accordo rispetto a un default disordinato. In ogni caso, le difficoltà economiche del popolo argentino non sono ancora finite.

 

Greetje Frankena, Principal Economist
greetje.frankena@atradius.com
+31 20 553 2406