Industry Trends Automotive Cina 2021

Market Monitor

  • Cina
  • Trasporti

09 dicembre 2021

La lentezza dei pagamenti aumenta la pressione sui margini di profitto dei piccoli fornitori

 

 

 

IT China automotive Credit Risk

 

 

La produzione del settore automobilistico cinese dovrebbe crescere del 10% nel 2021 e di circa il 4% nel 2022. Dopo il calo del 6,5% registrato lo scorso anno, le vendite di autovetture dovrebbero crescere di circa il 6% nel 2021 e del 7,5% nel 2022. L’aumento di produzione e vendite ha consentito un miglioramento dei margini di profitto di molte imprese del settore nel primo semestre di quest’anno.

 

 

IT China automotive output

 

 

Tuttavia, i produttori di apparecchiature originali (OEM) hanno dovuto apportare dei tagli alla produzione a causa della crisi dei semiconduttori. L’eventuale protrarsi della carenza di chip nel 2022 potrebbe determinare un aumento dei ritardi di pagamento per le imprese di questo settore poiché molte di loro stanno registrando una contrazione dei margini di profitto e un calo di liquidità rispet­to agli OEM e alle imprese di primo livello.

Il segmento dei veicoli elettrici rappresenta un mercato prometten­te nel lungo termine. Tuttavia, il governo ha annunciato la soppres­sione graduale degli incentivi per la mobilità elettrica. Il settore sta attraversando un processo di consolidamento ed è probabile che un maggior numero di fornitori low­cost che producono compo­nenti essenziali, dovranno abbandonare il mercato. Soltanto le im­prese in grado di accedere a finanziamenti esterni e che possono investire in Ricerca e Sviluppo riusciranno a garantirsi la soprav­vivenza.

I pagamenti nel settore automobilistico cinese sono piuttosto lenti, in media 90­-120 giorni. Le grandi case automobilistiche tendono a rallentare i pagamenti ai loro fornitori. Ciò fa aumentare la pres­sione sui margini di profitto e sulla base patrimoniale dei fornitori più piccoli e/o privati.

Alla luce della loro solidità finanziaria, il nostro approccio assicurativo si conferma generalmente  aperto nei confronti degli OEM  e delle imprese di primo livello. Per contro, adottiamo maggiore cautela per quanto riguarda i fornitori di secondo e terzo livello.

Documenti collegati