Industry Trends Alimentare Italia 2022

Market Monitor

  • Italia
  • Alimentare

20 gennaio 2022

Porsegue la crescita della produzione nel 2022, ma con rischi di flessione per alcuni segmenti

 

 

IT Italy food credit risk 2022

 

 

Dopo una contrazione del 3% nel 2020, la produzione italiana del settore agroalimentare è rimbalzata del 4% nel 2021 ed è destinata a crescere ulteriormente nel 2022, sostenuta dai consumi interni e dalla ripresa delle esportazioni. I dettaglianti di prodotti alimentari hanno beneficiato di ricavi in crescita durante le chiusure, con vendite che ora sono tornate a livelli normali. Il segmento lattiero-caseario ha registrato l'anno scorso un aumento delle vendite interne e delle esportazioni, mentre il sotto-settore delle bevande continua a risentire della minore domanda da parte del settore alberghiero.

 

 

IT Italy food output 2022

 

 

I prezzi elevati dei cereali, del latte, dell'olio e dello zucchero hanno un impatto sulle aziende di trasformazione e sui produttori della maggior parte dei sottosettori chiave, come la carne, i latticini, i dolci e la pasta. L'aumento dei prezzi dell'energia colpisce i segmenti delle aziende di molitura, produzione, trasformazione e conservazione. I costi energetici sono un problema anche per i dettaglianti con grandi superfici di vendita.

A causa del potere di mercato dei grandi rivenditori, i produttori e i trasformatori alimentari hanno difficoltà a trasferire i prezzi più alti dei fattori produttivi, il che si traduce in margini di profitto più bassi. Tuttavia, non ci aspettiamo un serio deterioramento dei margini. Detto questo, le imprese di servizi alimentari e i grossisti che dipendono dal settore dell'ospitalità rimangono sotto pressione, dopo aver subito un forte calo delle vendite e dei margini durante i vari lockdown. I ricavi si sono un po' ripresi nel 2021, ma non hanno ancora raggiunto i livelli pre-pandemici. Le prospettive a breve termine rimangono incerte, poiché la continua diffusione della pandemia impedisce un forte rimbalzo del settore dell'ospitalità.

Mentre la dipendenza dal finanziamento bancario è piuttosto bassa nel segmento della vendita al dettaglio di prodotti alimentari, è più alta nei sottosettori della produzione/lavorazione di prodotti alimentari. A causa della natura non ciclica del settore alimentare e delle bevande, le banche sono generalmente disposte a concedere prestiti all'industria. I pagamenti nel settore richiedono in media 60 giorni, e il comportamento di pagamento è stato buono negli ultimi due anni. Sia i ritardi di pagamento che le insolvenze sono diminuiti negli ultimi due mesi, scendendo ad un livello molto basso. Ciò è dovuto principalmente alla liquidità aggiuntiva fornita dalle misure di stimolo (ad esempio, prestiti bancari con garanzia statale).

Con la graduale conclusione del sostegno governativo, prevediamo che i ritardi di pagamento e le insolvenze aumenteranno anno su anno nel 2022, tornando a livelli normali. La nostra posizione assicurativa è aperta per la maggior parte dei sottosettori, con un approccio più cauto nei segmenti dei servizi alimentari e dei grossisti.

Documenti collegati