Global Economic Outlook - Giugno 2020

Economic Outlook

  • Algeria,
  • Angola,
  • Argentina,
  • Australia,
  • Austria,
  • Bangladesh,
  • Belgio ,
  • Brasile ,
  • Bulgaria,
  • Canada,
  • Cile ,
  • Cina ,
  • Colombia ,
  • Costa Rica,
  • Croazia ,
  • Cyprus,
  • Repubblica Ceca,
  • Danimarca ,
  • Egitto ,
  • Estonia,
  • Finlandia ,
  • Francia ,
  • Germania,
  • Grecia,
  • Hong Kong,
  • Ungheria ,
  • Islanda ,
  • India,
  • Indonesia,
  • Iran,
  • Irlanda ,
  • Italia ,
  • Giappone ,
  • Giordania ,
  • Kenia,
  • Kuwait,
  • Lettonia,
  • Lituania ,
  • Lussemburgo,
  • Malesia ,
  • Messico,
  • Marocco,
  • Paesi Bassi,
  • Nuova Zelanda ,
  • Norvegia,
  • Panama,
  • Perù,
  • Filippine ,
  • Polonia ,
  • Portogallo,
  • Romania,
  • Russia,
  • Arabia Saudita ,
  • Singapore,
  • Slovacchia ,
  • Slovenia,
  • Sud Africa ,
  • Corea del Sud,
  • Spagna ,
  • Svezia ,
  • Svizzera ,
  • Taiwan,
  • Tanzania,
  • Thailandia ,
  • Tunisia,
  • Turchia ,
  • Emirati Arabi Uniti ,
  • Stati Uniti d'America ,
  • Regno Unito ,
  • Vietnam
  • Generale

25 giugno 2020

La rapida diffusione de Covid-19 sta portando gravi conseguenze per economie avanzate ed emergenti. I lockdown riducono le occasioni di consumo e portano a degli shock anche sul lato dell'offerta.

La rapida diffusione di Covid-19 in tutto il mondo sta comportando un pesante tributo economico sia per le economie avanzate che per quelle emergenti. Le misure di contenimento riducono le opportunità di consumo e creano shock sul lato dell'offerta, poiché un gran numero di aziende non è in grado di operare. La recessione che l'economia globale sta affrontando nel 2020 è più profonda di quella che si è verificata durante la crisi finanziaria del 2008/2009 e perciò è alta l’incertezza riguardo ad una possibile forte ripresa “a V” nel 2021.

Elementi chiave del Global Economic Outlook

  • Prevediamo una contrazione del 5,1% nel 2020 a livello globale, seguita da una robusta ripresa del 6,5% nel 2021. La ripresa dipenderà dallo sviluppo e dalla distribuzione di un vaccino o, in alternativa, da una situazione a livello globale in cui l'effetto del distanziamento sociale sulle attività economiche sia in gran parte superato.
  • La crescita del commercio, già in sofferenza prima di Covid-19, si è ridotta a causa delle pressioni sul lato della domanda e dell'offerta generate dal virus. Nel 2020, ci aspettiamo una contrazione del commercio globale di circa il 15%.
  • Tutti i mercati avanzati sono colpiti in misura maggiore o minore dalla pandemia di Covid-19. Nel loro insieme, le economie avanzate dovranno far fronte a una contrazione del PIL del 6,5% nel 2020, con una ripresa del 5,9% prevista per il 2021.
  • L'Eurozona, in cui la fase più acuta della pandemia sembra essere passata, sta comunque affrontando una recessione storica nel 2020. Per attutire il colpo, sono stati adottati importanti pacchetti fiscali.
  • Negli Stati Uniti, agli effetti negativi della guerra commerciale con la Cina si aggiungono agli effetti negativi del lockdown. Il rallentamento dell'economia sta avendo un impatto enorme sull'occupazione, con il tasso di disoccupazione che sale a livelli senza precedenti.
  • In Giappone si prevede una forte contrazione dell’economia nel 2020, con un margine limitato di azione della politica monetaria per combattere la recessione. Le entrate del turismo sono crollate.
  • Il Covid-19 sta colpendo molte economie emergenti e la maggior parte di queste - ad eccezione della Cina - dovranno affrontare una recessione nel 2020. Ci sono grandi differenze tra i vari Paesi per quanto riguarda l’andamento della curva delle infezioni, l'efficacia delle misure politiche messe in atto, l’impatto sull’economia del calo dei prezzi delle materie prime.

Documenti collegati