Interim Economic Outlook - Aprile 2022

Economic Outlook

  • ,
  • Algeria,
  • Angola,
  • Argentina,
  • Australia,
  • Austria,
  • Bangladesh,
  • Belgio ,
  • Brasile ,
  • Bulgaria,
  • Canada,
  • Cile ,
  • Cina ,
  • Colombia ,
  • Costa Rica,
  • Croazia ,
  • Cyprus,
  • Repubblica Ceca,
  • Danimarca ,
  • Egitto ,
  • Estonia,
  • Finlandia ,
  • Francia ,
  • Germania,
  • Grecia,
  • Hong Kong,
  • Ungheria ,
  • Islanda ,
  • India,
  • Indonesia,
  • Iran,
  • Irlanda ,
  • Italia ,
  • Giappone ,
  • Giordania ,
  • Kenia,
  • Kuwait,
  • Lettonia,
  • Lituania ,
  • Lussemburgo,
  • Malesia ,
  • Messico,
  • Marocco,
  • Paesi Bassi,
  • Nuova Zelanda ,
  • Norvegia,
  • Panama,
  • Perù,
  • Filippine ,
  • Polonia ,
  • Portogallo,
  • Romania,
  • Russia,
  • Arabia Saudita ,
  • Singapore,
  • Slovacchia ,
  • Slovenia,
  • Sud Africa ,
  • Corea del Sud,
  • Spagna ,
  • Svezia ,
  • Svizzera ,
  • Taiwan,
  • Tanzania,
  • Thailandia ,
  • Tunisia,
  • Turchia ,
  • Emirati Arabi Uniti ,
  • Stati Uniti d'America ,
  • Regno Unito ,
  • Vietnam
  • Generale

12 aprile 2022

L'invasione dell'Ucraina da parte della Russia mette in difficoltà l'economia globale

L'economia globale continua ad essere messa alla prova dai problemi nelle catene di approvvigionamento e dagli alti prezzi dell'energia. Come se non bastasse, il conflitto Russia-Ucraina sta spingendo ulteriormente al rialzo i prezzi delle materie prime, alimentando un'inflazione ancora più alta. Le nostre previsioni di crescita del PIL sono state riviste al ribasso. È probabile che l'alta inflazione spinga le banche centrali ad attuare una stretta monetaria più aggressiva. Lo vediamo già negli Stati Uniti e nel Regno Unito, mentre la zona euro si muove più cautamente. Molti mercati emergenti hanno già cambiato rotta nel 2021.

Elementi principali

  • Il conflitto Russia-Ucraina sta avendo un impatto negativo sulla crescita globale principalmente attraverso il suo impatto sui prezzi delle materie prime e dell'energia. Abbiamo rivisto al ribasso la crescita di 0,7 punti percentuali (ppt) nel 2022 e di 0,4 ppt nel 2023. Nonostante la revisione al ribasso, la crescita globale rimane relativamente sostenuta, al 3,4% nel 2022 e al 3,2% nel 2023. Questa previsione di crescita è soggetta a un alto livello di incertezza.
  • Si prevede che i prezzi di una vasta gamma di materie prime aumenteranno significativamente nel 2022. I mercati del petrolio e del gas, già molto stressati, stanno mostrando una nuova volatilità dopo lo scoppio della guerra Russia-Ucraina. Ci aspettiamo anche che i prezzi di altre materie prime di cui Russia e Ucraina sono grandi produttori, come grano, orzo, oli vegetali e metalli di base, aumentino in modo significativo.
  • Le difficoltà delle catene di approvvigionamento mostrano alcuni segni di miglioramento, anche se i costi di spedizione e le carenze di attrezzature rimangono elevati. Inoltre, il conflitto Russia-Ucraina sta distorcendo alcune catene di approvvigionamento specifiche, come quella dei semiconduttori e dell'industria automobilistica. La crescita del commercio rimane relativamente solida nel 2022, poiché le pressioni sulle catene di approvvigionamento e l'inflazione sono controbilanciate da una forte domanda dei consumatori.
  • L'inflazione a livello globale dovrebbe aumentare nel 2022. Già all'inizio del 2022, c'erano pressioni inflazionistiche dovute ai problemi delle catene di approvvigionamento, alla forte domanda dei consumatori e all'aumento dei prezzi dell'energia e delle materie prime. Il conflitto Russia-Ucraina sta solo peggiorando le cose, dato il suo effetto sui prezzi delle materie prime. Questo significa che le banche centrali dovranno muoversi più aggressivamente per contenere l'inflazione.
  • La crescita nei mercati avanzati sta rallentando a causa dell'alta inflazione, delle tensioni lungo la catene di approvvigionamento e degli effetti indiretti del conflitto Russia-Ucraina. La crescita nell'eurozona dovrebbe raffreddarsi significativamente nel 2022. Le pressioni sui prezzi erano già in aumento nei mesi passati, ma il conflitto ha esacerbato questa tendenza. L'inflazione è in rapido aumento. Le riprese guidate dai consumi negli Stati Uniti e nel Regno Unito stanno affrontando sfide crescenti mentre l'accelerazione dell'inflazione spinge a una più rapida inversione del sostegno monetario. Sia la Federal Reserve che la Banca d'Inghilterra hanno già alzato il tasso di interesse negli ultimi due mesi e l'outlook della Fed è sempre più avverso.
  • Lo slancio della crescita delle economie dei mercati emergenti si sta indebolendo a causa del rapido ritiro dei sostegni fiscali e monetari. Nuove difficoltà sono dovute all'invasione dell'Ucraina da parte della Russia. Questo si aggiunge ad altri problemi, come le strozzature nelle catene di approvvigionamento e in alcune regioni a nuove ondate di infezioni da Covid.

Il contesto macro economico

Nel nostro Economic Outlook di gennaio, abbiamo fornito una visione piuttosto approfondita sui problemi di fondo che frenano l'economia globale. Abbiamo sostenuto che la pandemia non aveva ancora raggiunto la fase endemica in cui il virus Covid-19 avrebbe avuto l'impatto economico di una cattiva stagione influenzale. Inoltre, nella seconda metà del 2021 è diventato sempre più chiaro che la pandemia ha creato alcuni problemi economici che avrebbero richiesto tempo per essere superati.

Le catene di approvvigionamento sono state messe sotto pressione, in quanto le chiusure hanno causato uno spostamento della domanda dai servizi ai beni. Questo è avvenuto a causa della domanda, spesso sostenuta da massicci programmi di sostegno pubblico nella ricerca di servizi come la ristorazione, gli eventi ed i viaggi internazionali, che non riusciva a trovare uno sbocco a causa dei ripetuti lockdown. Un'ulteriore pressione sulla catena di approvvigionamento è stata causata da misure sanitarie che hanno provocato interruzioni della produzione, come la chiusura degli stabilimenti o le riduzioni dell'orario di lavoro. Inoltre, questa domanda di beni ha portato a una tale ripresa del commercio internazionale che ha messo sotto pressione anche i trasporti internazionali. Ciò si è riflesso in un'impennata dei costi di trasporto, come ad esempio per il trasporto di container, per il quale alcuni indicatori sono decuplicati. Inoltre, la ripresa è stata per certi versi inaspettatamente forte, con un aumento della domanda di energia tale che il graduale aumento della produzione concordato dall'OPEC+ ha causato tensioni sul mercato, con conseguente aumento dei prezzi e volatilità. Nel mercato del gas, le crescenti tensioni geopolitiche tra la Russia e l'Ucraina hanno portato a un aumento dei prezzi. Il risultato di tutto ciò è l’inflazione, che è divenuta sempre più un argomento di preoccupazione di coloro che sono incaricati di occuparsene, le banche centrali.

A gennaio abbiamo ritenuto che, con l'attenuarsi della pandemia e i primi segnali di allentamento delle tensioni nella catena di approvvigionamento, questi problemi si sarebbero in gran parte attenuati nel corso del 2022. La domanda di beni e di servizi sarebbe stato il fattore chiave. Anche le tensioni sul mercato dell'energia dovrebbero essere meno impattanti.

Con il venir meno delle cause di fondo, l'inflazione tornerebbe a livelli relativamente bassi. La crescita sarebbe inferiore a quella prevista prima che questi problemi si manifestassero, ma una solida ripresa era ancora solo nelle previsioni. Il mondo stava imparando a convivere con la pandemia. Poi, alla fine di febbraio, la Russia ha deciso di invadere l'Ucraina.

Impennata dei prezzi delle materie prime

La guerra in Ucraina sta aggravando le pressioni al rialzo già esistenti sui prezzi delle materie prime. La minaccia di sanzioni sulle esportazioni russe di idrocarburi e l'incertezza sulle forniture stanno esacerbando l'attuale tensione del mercato. Finché la guerra continuerà, i prezzi rimarranno elevati anche più di quanto non lo siano attualmente, con conseguenze significative per l'economia economia globale.

All'inizio dell'anno abbiamo evidenziato quanto il mercato del petrolio fosse sempre più in fibrillazione, con prezzi tra i 70 e gli 80 dollari al barile di Brent. Le pressioni sui prezzi sono aumentate a causa della ripresa della domanda, più forte del previsto, a seguito della pandemia. Ciò è dovuto in parte alla comparsa di nuove varianti di Covid-19 che ha mantenuto la spesa dei consumatori orientata verso le merci, facendo lievitare i costi di trasporto, rispetto ai servizi alla persona.

Dal punto di vista delle forniture, le scorte hanno continuato a ridursi, con un trend senza precedenti, riducendo notevolmente la capacità di assorbimento degli shock. Con il rischio imminente di un altro rallentamento della domanda, come nel caso dello scoppio dell'Omicron, i produttori OPEC+ hanno respinto le richieste di aumentare la produzione per allentare le pressioni sui prezzi. Il ruolo tradizionale del settore dello scisto statunitense come "swing producer" globale - in grado di aumentare rapidamente la produzione in risposta all'aumento dei prezzi e viceversa - è diminuita anche a seguito di un riorientamento strategico dopo ondate di fallimenti.

In questo contesto, non sorprende che i prezzi del petrolio siano saliti ulteriormente, superando i 100 dollari al barile dopo l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia. La Russia è il secondo produttore mondiale di petrolio e con le limitate riserve di petrolio, c'è poca flessibilità a breve termine per far fronte alla produzione russa persa a causa di interruzioni della catena di approvvigionamento e/o sanzioni. Dopo anni di prezzi bassi, anche gli investimenti nel settore petrolifero sono stati pericolosamente bassi, il che fa presagire che la capacità della produzione di petrolio di soddisfare la domanda anche nel medio termine non sia sufficiente. La US Energy Energy Information Administration prevede che il petrolio raggiungerà una media di 105,22 dollari al barile nel 2022, ben 30 dollari in più rispetto al gennaio. Prevediamo inoltre che i prezzi rimarranno elevati per tutto l'anno e ribadiamo la nostra affermazione di gennaio secondo cui, anche per gli standard del mercato petrolifero, le prospettive sono eccezionalmente incerte.

Anche sul mercato del gas ci sono chiare pressioni al rialzo sui prezzi. Nel 2021, i prezzi del gas erano già aumentati a causa di dell'inverno freddo, delle interruzioni impreviste degli impianti di GNL (gas naturale liquefatto), dei prezzi inferiori alle aspettative e alle esplorazioni di gas inferiori al previsto nel Mare del Nord e in Russia. In Europa, il mercato è stato particolarmente rigido a causa della combinazione di una forte ripresa della domanda, un forte calo della produzione regionale, che ha portato il prezzo del gas a salire bruscamente nella seconda metà del 2021. La situazione sul mercato del gas si è aggravata dall'inizio della guerra in Ucraina. Il prezzo del gas europeo, che al momento è il più volatile tra quelli regionali, è stato quasi del 600% più alto a marzo 2022 rispetto allo stesso mese dell'anno precedente.

Il prezzo del gas europeo è previsto in aumento a una media di 34,2 milioni di unità termiche britanniche (mmbtu) nel 2022, rispetto ai 16,1 del 2021 e ai 3,2 del 2020. Diversi Paesi europei si sforzano di importare meno gas dalla Russia, con la Lituania che è diventata il primo Paese dell'UE a interrompere completamente le forniture di gas russo. Ciononostante, ci aspettiamo una dipendenza ancora significativa dal gas russo nei prossimi anni. Gli aumenti dei prezzi nei mercati del gas asiatici e statunitensi dovrebbero essere significativi nel 2022, ma di entità minore rispetto all'Europa, che è più dipendente dalle importazioni di idrocarburi russi. Il prezzo del gas asiatico si prevede una media di 16,3 mmbtu di dollari nel 2022, rispetto ai 10,8 del 2021. Il prezzo del gas statunitense Henry Hub dovrebbe aumentare da 3,9 mmbtu nel 2021 a 4,8 nel 2022.

Russia e Ucraina sono i principali fornitori anche in altri mercati delle materie prime. Insieme rappresentano circa il 30% delle esportazioni globali di grano, il 20% per il mais e orzo e il 22% degli oli vegetali. Sono inoltre fornitori chiave di diversi metalli di base. La Russia è un fornitore chiave di palladio, utilizzato nelle marmitte catalitiche delle automobili, e di nichel, utilizzato nella produzione di acciaio e nella fabbricazione di batterie. Russia e Ucraina sono anche fonti di gas inerti come argon e neon, utilizzati nella produzione di semiconduttori, e grandi produttori di spugna di titanio, utilizzata negli aerei. Entrambi i Paesi hanno anche riserve di uranio importanti a livello mondiale.  I prezzi di molte di queste materie prime sono aumentati bruscamente dall'inizio della guerra.

I prezzi sono in aumento per un'ampia gamma di risorse naturali, al di là del petrolio e del gas naturale. Le materie prime erano già il mercato più performante nel 2021, in quanto la crescita della domanda ha superato l'offerta. Il prezzo del grano è aumentato del 23% dall'inizio dell'anno e il prezzo dell'alluminio del 5% e anche i prezzi di altri metalli come il ferro (7%) e il rame (7%).

 

Di seguito è possibile scaricare il documento completo.

 

Documenti collegati