Barometro Comportamenti di Pagamento Europa Orientale

Barometro sui comportamenti di pagamento

  • Repubblica Ceca,
  • Ungheria ,
  • Agricoltura ,
  • Trasporti,

23 maggio 2017

Dopo un aumento di quasi cinque punti percentuali nel 2016, la percentuale di fatture B2B pagate in ritardo nell'Europa orientale è diminuita ancora quest'anno (41,5%).

Ad eccezione della Turchia, le prospettive economiche dell'Europa orientale stanno migliorando in quanto i consumi domestici sono cresciuti anche grazie alle misure di sostegno del lavoro, di politica monetaria e stimolo fiscale. Nonostante la prospettiva positiva, altri intervistati nell'Europa orientale prevedono un peggioramento complessivo rispetto a un miglioramento del comportamento di pagamento dei propri clienti B2B nei prossimi 12 mesi.

Vendite con dilazione di pagamento

Nonostante un modesto aumento delle vendite a credito quest'anno (40,3%, in crescita del 39,8% nel 2016), gli intervistati dell'Europa orientale sembrano ancora preferire la vendita con condizioni diverse dal credito (59,7%).

 

 

 

B2B sales on credit in Eastern Europe

 

 

 

Allo stesso modo di quanto osservato nelle indagini precedenti, la percentuale media delle vendite effettuate a credito verso i clienti B2B domestici (42,7%) è superiore quelle verso i clienti B2B esteri (37,9%).

  • Nel 2017, gli intervistati in Ungheria (65,5%), Repubblica Ceca (43,0%) e Turchia (38,1%) sono stati i più aperti a vendere a credito. Al contrario, gli intervistati in Polonia (28,9%) hanno avuto la più bassa percentuale media delle vendite effettuate con dilazione.
  • Gli intervistati dell'Europa orientale (40,3%) sembrano leggermente più propensi a vendere sul credito rispetto alle imprese intervistate nei Paesi dell'Europa occidentale, dove il 38,8% del valore totale delle vendite B2B è stato effettuato a credito.

Fatture insolute clienti B2B (%)

Dopo un aumento di quasi cinque punti percentuali nel 2016 (42,9%), la percentuale di fatture B2B in ritardo nell'Europa orientale è diminuita anche quest'anno (41,5%).

 

 

Past due B2B receivables in Eastern Europe

 

  • L'88,5% degli intervistati dell'Europa orientale (2016: 88,6%) ha subìto dei ritardi nei pagamenti effettuati dai propri clienti B2B. Appena meno della metà delle fatture relative a transazioni sul mercato interno, in media il 45,2%, non sono state pagate alla scadenza.
  • La frequenza dei pagamenti ritardati da parte dei clienti B2B esteri è scesa dall'81,8% nel 2016 al 78,9% quest'anno. In media, il 37,7% delle fatture estere rimane non pagato alla scadenza.
  • Nonostante i miglioramenti minori registrati nel 2017, la Turchia sembra essere il paese maggiormente colpito dai ritardi di pagamento delle fatture; Il 60,9% del valore totale delle transazioni sul mercato domestico e il 50,9% delle fatture estere sono state pagate in ritardo. Ciò si riflette anche nella figura del DSO del paese, che ha superato 73 giorni ed è significativamente superiore alla media dell'Europa orientale (61 giorni).

Durata dei pagamenti delle fatture commerciali (media giorni)

Nel 2017, i clienti B2B degli intervistati nell'Europa orientale godevano di un termine di pagamenti medi più lunghi. Nonostante ciò, i ritardi dei pagamenti da parte dei clienti B2B domestici sono aumentati in Ungheria, in Turchia e in Polonia. La Polonia ha inoltre segnalato più ritardi di pagamento da parte dei clienti B2B esteri.

 

Payment duration in Eastern Europe

 

  • Nel 2017, i termini di pagamento concessi dagli intervistati nell'Europa dell'Est sono stati mediamente 35 giorni, quattro giorni più lunghi rispetto al 2016.

  •  

    Ad eccezione della Turchia (47 giorni) e della Slovacchia (36 giorni), tutti i paesi dell'Europa dell'Est hanno riportato termini di pagamento in base alla media regionale.

  • La Turchia ha visto i più grandi cambiamenti. I termini di pagamento medio sono prolungati per nove giorni.

  • Tre dei cinque paesi dell'Europa orientale intervistati, l'Ungheria, la Turchia e la Polonia hanno visto un aumento dei ritardi nei pagamenti nazionali. Un rallentamento dei pagamenti domestici è stato osservato anche nell'Europa occidentale.

 

Maggiori dettagli sono disponibili nel documento completo scaricabile in fondo alla pagina