Atradius festeggia il 95° anniversario di attività

Atradius notizie

Atradius compie quest’anno 95 anni di attività e di completa dedizione al sostegno del commercio mondiale

Un anniversario che cade in un momento critico per l'economia del nostro Paese e del mondo, alle prese con le difficoltà create dall'emergenza Covid-19.

Il grande gruppo internazionale di assicurazione dei crediti commerciali nasce in Olanda nel 1925 con la denominazione NCM. Negli anni, attraverso fusioni e acquisizioni, ha attratto diverse realtà assicurative di altri Paesi, dalla tedesca GKS all’italiana SIC, fino alla spagnola Crédito y Cauciòn, assumendo nel 2004 l’attuale denominazione Atradius. La compagine azionaria del gruppo ha visto transitare negli anni grandi nomi internazionali delle assicurazioni e della finanza come Swiss Re, Deutsche Bank, Sal.Oppenheim, e ancora il Grupo Catalana Occidente, che ne è diventato il principale azionista.

Oggi Atradius è una delle società di assicurazione del credito più grandi al mondo e fornisce prodotti e servizi di gestione del credito in oltre 50 Paesi, con quasi 4.000 dipendenti e un tasso di fedeltà delle aziende clienti del 93%.

"Prima di diventare Atradius nel 2004, abbiamo operato per anni con nomi diversi– spiega Massimo Mancini, Country Manager di Atradius per l’Italia – e siamo diventati fornitori di fiducia a livello globale di servizi di assicurazione del credito, cauzioni e incassi. L’ottima reputazione di cui godiamo in tutti i mercati in cui siamo presenti è dovuta alla professionalità e dedizione al lavoro di tutti i dipendenti del gruppo".

Gli strumenti di analisi previsionali sull’andamento dell’economia e del commercio in tutti i Paesi in cui opera, consentono alle aziende clienti di avere un quadro aggiornato dei mercati e delle economie con le quali intrattengono scambi commerciali. "La valutazione dei rischi fornita da Atradius tramite i nostri analisti è il passaggio indispensabile per consentire alle aziende italiane di operare con tranquillità sui mercati, forti delle soluzioni assicurative messe a punto dal Gruppo, a tutela del portafoglio crediti commerciali e quindi, in definitiva, del business" sottolinea Mancini.

Quello attuale è un momento particolare. La pandemia di Covid-19 si è diffusa in tutto il mondo, causando una crisi delle attività economiche che prelude a una forte recessione in tutti i Paesi. Atradius prevede per quest’anno una contrazione del 15% del commercio mondiale, un calo che storicamente si può definire drammatico. "In Italia – aggiunge Massimo Mancini - la rilevante caduta del Pil nel 2020 va a incidere su un quadro già piuttosto difficile per le aziende ancor prima dell’epidemia. Si spera che le misure di sostegno all’economia che i governi stanno adottando diano presto risultati concreti, ma la situazione per molte aziende, già in difficoltà prima della pandemia, risulta enormemente aggravata".

I dati del "Rapporto Atradius 2020 sulle insolvenze", pubblicato poco prima della crisi Coronavirus, indicavano un aumento delle insolvenze aziendali del 2,4% nel mondo rispetto all’1,4% del 2019. Ma è ormai scontato che le cifre nel corso dell’anno andranno drammaticamente ad aumentare. "Per l’Italia il dato previsionale pre-crisi si attestava su un livello di fallimenti aziendali stabile rispetto al 2019, ma è ormai chiaro che quel dato purtroppo dovrà essere rivisto al rialzo"  ammette Mancini.

Insomma, la contrazione economica dovuta alla pandemia contribuisce ad innalzare la pressione sul rischio di fallimento delle imprese sia in Italia che nel mondo. Mancini a questo proposito è drastico: "Anche se importanti misure sono state adottate a livello politico per affrontare i problemi, la contrazione della liquidità, causata dai ritardi di pagamento e dalle perdite su crediti in questa fase critica dell’economia, rappresenta un problema serio per la sopravvivenza delle imprese. Con un’economia globale vicina alla recessione aumentano i rischi di mancato pagamento e i crediti in sofferenza, e le insolvenze continueranno a crescere anche nel 2021, e allora i fornitori si troveranno a dover gestire il calo della domanda e livelli finanziari sotto pressione. Ridurre al minimo queste difficoltà attraverso strumenti che consentono alle aziende un’accurata valutazione del merito creditizio garantendo, al tempo stesso, un’adeguata sostenibilità finanziaria, sarà la soluzione per permettere a molte imprese in difficoltà di sopravvivere".

Il successo di Atradius costruito in 95 anni di storia fa intravedere un futuro ancora in crescita. "Come azienda – conclude Mancini – operiamo da ormai quasi un secolo, e prevediamo di continuare a farlo ancora per molti anni a venire. La fiducia che clienti, broker, agenti e partner ci accordano ogni giorno ci rende orgogliosi del nostro lavoro, e insieme a tutti loro vogliamo festeggiare questo anniversario con un augurio reciproco di una lunga e proficua attività".

Articolo pubblicato da MF il 14 luglio 2020