Rapporto Paese Marocco - Aprile 2021

Rapporto Paese

  • Marocco
  • Generale

14 aprile 2021

L'economia del Marocco dovrebbe crescere di circa il 5% nel 2021. La prospettiva di ripresa dell'Europa, principale mercato d'esportazione del Marocco, giocherà un ruolo fondamentale.

Situazione politica

Una monarchia stabile, ma i rischi persistono

La situazione politica è piuttosto stabile, con il re Mohammed VI che tiene nelle sue mani la maggior parte del potere politico, mentre i poteri del parlamento e del governo sono limitati. Non c'è una minaccia immediata alla monarchia e all'establishment, poiché il re è popolare tra la popolazione.

Le prossime elezioni parlamentari sono previste per settembre 2021. L'attuale governo di coalizione a 12 partiti è molto frammentato. Il processo di normalizzazione con Israele rimane controverso e ha portato alle dimissioni di vari membri del principale partito della coalizione, il PJD. Nonostante l'aumento del sostegno all'opposizione, il conservatore islamico-democratico PJD rimarrà probabilmente il più grande partito in parlamento dopo le elezioni.

Le tensioni sociali sono aumentate dal 2017 a causa di problemi persistenti (come la forte disoccupazione giovanile, il divario urbano-rurale, la disuguaglianza di reddito, l'accesso limitato ai servizi sanitari e la corruzione), scatenando periodicamente proteste nelle parti meno sviluppate del paese. Le questioni della disuguaglianza di reddito, della povertà, dell'istruzione e dell'assistenza sanitaria sono diventate ancora più importanti durante la crisi del coronavirus. Finora, il re è sempre riuscito ad appianare la situazione sostituendo i ministri, aumentando la spesa sociale e lanciando un piano di sviluppo a lungo termine. Mentre non ci si aspetta che l'insoddisfazione sociale minacci la stabilità politica, è probabile che l'aumento della spesa sociale per contenere le proteste metta a dura prova le finanze pubbliche.

Il Marocco rimane vulnerabile alla minaccia dell'estremismo islamico. I combattenti marocchini di ritorno dalla Libia e dalla Siria preoccupano in particolare le autorità. Tuttavia, il Paese non è stato colpito da grandi attacchi terroristici negli ultimi anni. Preservare la sicurezza è in cima all'agenda del governo, data l'importanza delle entrate del turismo per l'economia. Un altro problema di sicurezza è il conflitto nel Sahara occidentale tra il Marocco e il Fronte Polisario, con i combattimenti che sono recentemente ripresi, ponendo fine a una tregua che durava da 29 anni.

Situazione economica

Un rimbalzo previsto di circa il 5% nel 2021 dopo una forte recessione

Con una contrazione del 7% del PIL nel 2020, l'economia marocchina è stata duramente colpita dalla pandemia di coronavirus. Misure di chiusura locali di vasta portata hanno ostacolato l'attività economica interna, mentre le esportazioni sono diminuite di un enorme 15%, con il turismo (che rappresenta il 12% del PIL) gravemente colpito. La disoccupazione è aumentata dal 9% nel 2019 al 12% nel 2020.

Inoltre, una siccità duratura ha pesato sul settore agricolo (che impiega circa il 40% della forza lavoro marocchina e rappresenta circa il 15% del PIL). A parte ciò, l'industria mineraria dei fosfati (che rappresenta il 9% del PIL) ha tenuto bene, con un aumento delle esportazioni del 4% nel 2020.

Quest'anno, si prevede che l'economia rimbalzi di circa il 5%, in funzione del graduale allentamento delle misure di chiusura, di un efficace lancio dei vaccini nella seconda metà del 2021 e di condizioni meteorologiche più favorevoli che sostengano le prestazioni dell'agricoltura. Il consumo privato dovrebbe rimbalzare di oltre l'8% quest'anno. La produzione industriale dovrebbe aumentare dell'8%, e i lavori sui progetti di miglioramento delle infrastrutture (strade, porti e ferrovie) sono ripresi.

Un fattore importante che determinerà il livello di rimbalzo sarà la portata della ripresa in Europa, il principale mercato di esportazione del Marocco. I prodotti aeronautici e automobilistici hanno rappresentato il 40% delle esportazioni nel 2019 e rimangono potenziali motori di crescita chiave. Tuttavia, hanno sofferto l'anno scorso del deterioramento della domanda dell'Eurozona. Circa il 90% delle automobili e delle parti di automobili del Marocco sono esportate, di cui l'80% va in Europa. Una nuova fabbrica automobilistica di un grande OEM francese nella città di Kenitra aumenterà la capacità di produzione di veicoli del 50% nel 2021, dando probabilmente una spinta alle esportazioni.

Mentre le esportazioni di beni e servizi sono previste in crescita di quasi il 9% nel 2021, la ripresa del settore turistico rimarrà per il momento modesta, dipendendo fortemente dalla crescita economica e dall'eliminazione delle restrizioni ai viaggi in Europa.

 Performance of Moroccan industries April 2021

Il settore bancario è ragionevolmente sano, ma il deterioramento della qualità degli asset è un rischio al ribasso

La Banca centrale ha quasi raddoppiato la provvista di liquidità e ha tagliato il tasso d'interesse di riferimento all'1,5%, il che ha contribuito a sostenere la crescita del credito. Finora, il settore bancario ha resistito relativamente bene alla crisi economica. Tuttavia, il tasso di prestiti in sofferenza (NPL) è aumentato di 1 punto percentuale nel 2020, all'8,5%. Potrebbe aumentare ulteriormente quest'anno, a causa dell'effetto ritardato della scadenza delle moratorie sul rimborso del credito.

L'elevato rapporto NPL è dovuto principalmente all'esposizione delle banche marocchine verso i mercati dell'Africa subsahariana. Anche se sono stati fatti accantonamenti per quasi il 70% dei crediti inesigibili, e le banche più grandi hanno sostanzialmente aumentato i livelli di accantonamento di recente, l'indice di capitalizzazione pre-crisi del settore bancario (15,6% alla fine del 2019) sembra essere piuttosto basso, dati i rischi lato asset. 

Il debito pubblico è aumentato a livelli rischiosi

Negli ultimi due anni, la base imponibile si è appena ampliata (21,5% del PIL) e la disciplina fiscale è diminuita. A causa della pandemia, nell'aprile 2020, il Marocco ha dovuto attingere per la prima volta ai fondi disponibili nell'ambito di una linea precauzionale e di liquidità (PLL) con il FMI. I fondi, del valore di circa 3 miliardi di dollari, sono stati utilizzati per ammortizzare le ricadute economiche e sociali.

Per sostenere la ripresa economica, il governo ha integrato il suo fondo speciale per la pandemia (pari al 3,1% del PIL) con maggiori garanzie di credito per le imprese (6,5% del PIL) e ha annunciato la creazione di un fondo per sostenere gli investimenti del settore privato (3,9% del PIL). Le spese aggiuntive per le misure legate alla crisi del coronavirus e il calo delle entrate hanno causato un aumento del deficit fiscale al 7,6% del PIL nel 2020, con un altro 7% di deficit del PIL previsto per quest'anno.

Si prevede che il debito pubblico aumenterà al 98% del PIL nel 2021 (83% del PIL nel 2019) - ben oltre la soglia critica del 70% del PIL per le economie emergenti. Ci sono sostanziali passività contingenti legate alle aziende statali e alle garanzie di credito alle imprese del settore privato.

Il profilo del debito pubblico permette la sua sostenibilità per il momento. Un'ampia quota (circa il 75%) è finanziata internamente in valuta locale, riducendo il rischio di cambio. Allo stesso tempo, circa il 70% del debito pubblico esterno è finanziato da creditori bilaterali e multilaterali, limitando il rischio di rifinanziamento. Inoltre, la scadenza media ponderata del debito di 7,5 anni indica che il finanziamento è principalmente a lungo termine.

Nonostante il quadro attualmente ancora favorevole del debito pubblico, il suo alto livello rimane una preoccupazione per il futuro, poiché la ripresa del consolidamento fiscale dopo la pandemia sarà graduale nel migliore dei casi. La prevista implementazione a tappe della copertura sanitaria universale, così come l'assicurazione pensionistica e di disoccupazione, estenderà la pressione sulla spesa sociale nei prossimi anni. La necessità di contenere qualsiasi malcontento sociale con sussidi e una maggiore spesa sociale manterrà alta la pressione sul bilancio.

La posizione esterna si è dimostrata resistente, ma i costi dei finanziamenti esterni potrebbero aumentare

Nonostante il crollo dell'afflusso turistico, il deficit delle partite correnti è aumentato solo leggermente nel 2020, al 5,3% del PIL, aiutato dalle importazioni più basse, dai bassi prezzi del petrolio e dalla resilienza dell'afflusso di rimesse. L'aumento delle esportazioni (soprattutto nel settore automobilistico) dovrebbe ridurre il deficit delle partite correnti al di sotto del 3% del PIL nel 2022.

La posizione economica esterna del Marocco è accettabile, con un livello ragionevole di debito estero di circa il 54% del PIL nel 2021. Anche se la pressione di finanziamento ha costretto il Marocco ad attingere al suo PLL con il FMI, il rischio di liquidità esterna rimane contenuto. Grazie al facilitato accesso ad ulteriori finanziamenti esteri da parte di creditori ufficiali e a diverse emissioni di obbligazioni internazionali (per un cumulativo di 4,2 miliardi di dollari), le riserve internazionali sono aumentate di oltre il 35% nel 2020. Nel 2021 le riserve internazionali ammonteranno a più di 9 mesi di importazioni e al 180% del fabbisogno lordo di finanziamento esterno del Marocco. Il dirham marocchino è ancorato a un paniere valutario di EUR (60%) e USD (40%). Raccomandato dal FMI, il piano è di passare ad un tasso di cambio più flessibile a medio termine, al fine di proteggere meglio l'economia marocchina contro gli shock esterni e di migliorare la sua competitività internazionale.

Mentre il livello del debito estero non è molto alto e i debt-service payments  sono rimasti gestibili, i costi del finanziamento esterno potrebbero aumentare se i rating del credito esterno continuano a deteriorarsi, innescati dal notevole aumento del debito pubblico.

Riforme strutturali verso la diversificazione

Mentre i bassi livelli di istruzione, l'inefficienza del mercato del lavoro, le barriere all'entrata del mercato e l'accesso limitato ai finanziamenti rimangono degli ostacoli, il potenziale di crescita economica a medio e lungo termine è ragionevole.

Tradizionalmente leader nella produzione di prodotti agricoli e fosfati, il Marocco ha fatto delle riforme strutturali per diversificare la sua economia sviluppando la produzione industriale, in particolare i settori orientati all'esportazione (automobili, aeronautica ed elettronica), e per fornire un ambiente favorevole agli investimenti (le agevolazioni fiscali hanno attirato molti investitori). I grandi progetti in corso e previsti per migliorare le infrastrutture (strade, porti e ferrovie) rafforzano l'ambiente d'affari, e la vicinanza geografica all'Europa è un altro vantaggio. Il Marocco è uno snodo strategico per il commercio e gli investimenti tra l'Europa e l'Africa.

I bassi costi unitari del lavoro e una moneta leggermente sottovalutata aumentano la competitività del Marocco. Tra il 2000 e il 2019, il PIL pro capite è aumentato del 70% in termini reali.

Come importatore netto di petrolio, il Marocco è ancora vulnerabile all'aumento dei prezzi del petrolio. Tuttavia, con grandi investimenti nelle energie rinnovabili, la dipendenza del paese dalle importazioni di energia sta diminuendo. Il Marocco ricava già circa il 35% della sua energia dalle rinnovabili, soprattutto dall'energia solare concentrata, e mira ad aumentare la quota di energia rinnovabile al 50% entro il 2030.