Indonesia: vaccinazioni lente, impatto sul PIL

Rapporto Paese

  • Indonesia
  • Agricoltura ,
  • Trasporti,
  • Chimico,
  • Costruzioni ,
  • Beni durevoli ,
  • ICT ,
  • Serv. finanziari ,
  • Alimentare ,
  • Generale,
  • Meccanica,
  • Metalli ,
  • Carta ,
  • Servizi ,
  • Acciaio,
  • Tessile

07 settembre 2021

La recente impennata dei casi di coronavirus e la lentezza della vaccinazione colpiscono il PIL dell'Indonesia

Situazione politica

Una diffusione massiccia della pandemia da giugno

Nell'aprile 2019, il presidente Joko Widodo è stato rieletto con il 55,5% dei voti, garantendogli un secondo mandato fino al 2024. Come nel suo primo mandato, Widodo ha continuato ad affrontare le riforme economiche, come il miglioramento delle infrastrutture per sostenere il settore manifatturiero e l'economia digitale, le riforme del mercato del lavoro e le regole sugli investimenti esteri. Tuttavia, alcuni elementi chiave della sua agenda politica rimangono contestati a causa di interessi acquisiti. Mentre Widodo ha un ampio sostegno nella Camera dei Rappresentanti, l'ampia gamma di gruppi politici nel suo gabinetto rende difficile una politica decisiva.

Rispetto ai suoi confinanti, il governo dell'Indonesia ha tardato ad adottare misure complete per contenere la diffusione del coronavirus nel 2020, molto probabilmente a causa delle preoccupazioni per le conseguenze negative sull'economia. L'Indonesia non ha imposto un blocco totale, ma restrizioni più morbide sulle attività sociali sono state attuate in tutto l'arcipelago per tutto l'anno scorso e all'inizio del 2021.

Da giugno 2021, i casi di coronavirus sono aumentati bruscamente, con un picco di 55.000 nuovi casi giornalieri a metà luglio. Il paese ha sperimentato uno dei più alti tassi di casi di coronavirus nel sud-est asiatico. Dall'inizio di luglio 2021, sono state imposte misure di blocco più restrittive a Java, Bali e in altre parti del Paese. Mentre il programma di immunizzazione è iniziato a gennaio, la diffusione del vaccino è stata finora lenta, con solo circa il 13% della popolazione completamente vaccinata alla fine di agosto.

Situazione economica

Prospettive economiche a breve termine ridotte dopo una robusta crescita nel Q2 del 2021

Nel 2020, il PIL dell'Indonesia si è ridotto del 2,1%, una contrazione piuttosto contenuta rispetto a molti altri Paesi. Questo è in parte dovuto al fatto che l'economia indonesiana è piuttosto chiusa (le esportazioni rappresentano solo il 20% circa del PIL, il che rende il Paese meno suscettibile alle flessioni del commercio globale rispetto ad altri Paesi del sud-est asiatico). Le importazioni (-14,7%) sono diminuite molto più bruscamente delle esportazioni (-7,7%), mentre la performance economica dell'Indonesia è stata sostenuta anche dal governo.

Nel Q2 del 2021, il PIL dell'Indonesia è cresciuto del 7% su base annua, grazie all'aumento delle esportazioni (soprattutto di materie prime), alla robusta spesa pubblica e al rimbalzo degli investimenti. Il consumo delle famiglie, che rappresenta più del 50% del PIL, è aumentato del 5,9%.

Ciononostante, le prospettive economiche dell'Indonesia per il terzo trimestre sono modeste. Principalmente a causa del forte aumento dei casi di coronavirus da giugno e dei successivi blocchi, la previsione di crescita del PIL per il 2021 è stata rivista al ribasso al 3,3%, dal 4,7% di marzo. I consumi privati e gli investimenti fissi reali, che erano entrambi i principali motori di crescita negli anni precedenti la pandemia, dovrebbero aumentare rispettivamente dell'1,6% e del 6% su base annua, mentre le esportazioni indonesiane dovrebbero rimbalzare del 19%, aiutate dalla forte domanda globale di materie prime.

Nel 2022, si prevede che la crescita economica dell'Indonesia acceleri a quasi il 7%, a condizione che la pandemia venga contenuta e che il vaccino venga distribuito in modo efficace. La crescita dovrebbe essere alimentata da un rimbalzo dei consumi privati (più del 6%), da un ulteriore aumento degli investimenti (+9%) e dai consumi pubblici (più del 5%).

Alcuni settori indonesiani hanno dimostrato di essere resistenti

Per quanto riguarda la performance delle industrie indonesiane, l'agricoltura è uno dei settori più resistenti in mezzo alla pandemia del coronavirus in Indonesia, con un aumento della produzione nel 2021. Anche le industrie chimiche e dell'ICT hanno dimostrato di essere piuttosto robuste. La domanda di prodotti ICT è rimbalzata dall'H2 del 2020, con un aumento dei progetti che forniscono hardware e altre infrastrutture IT. I grossisti e i fornitori ICT per i progetti sono stati in grado di mantenere il livello di ricavi e margini registrato nel 2019.

Nel settore edile indonesiano, le attività infrastrutturali sono diminuite nel periodo gennaio-maggio 2021. Tuttavia, ci si aspetta che nuovi progetti infrastrutturali siano avviati nella seconda metà del 2021, sostenuti da una maggiore spesa pubblica. Le industrie energetiche e minerarie hanno sofferto di un forte calo degli investimenti l'anno scorso. Mentre la performance è migliorata nel 1° semestre del 2021 grazie all'aumento dei prezzi delle materie prime e all'avvio di nuovi progetti di fusione, la ripresa dell'industria mineraria è rimasta finora al di sotto delle aspettative.

Nel settore dei trasporti indonesiano, il trasporto commerciale di passeggeri affronta ancora seri problemi, poiché la mobilità è influenzata dalla diffusione della pandemia in corso e dal lento progresso della vaccinazione. In particolare, il trasporto aereo e le attività correlate soffrono di bassi ricavi, grandi debiti e alte spese operative.

A causa delle misure di blocco e delle restrizioni di viaggio, molti segmenti di servizi indonesiani hanno sofferto pesantemente, specialmente quelli legati al turismo. Questi includono hotel, ristoranti, bar, intrattenimento ed eventi culturali, agenzie di viaggio e tour operator. Il valore aggiunto degli hotel e della ristorazione si è contratto del 10% nel 2020, e un rimbalzo non è ancora previsto. Migliaia di hotel e ristoranti sono stati costretti a chiudere, mentre le imprese collegate e i tour operator hanno subito gravi perdite.

Performance of Indonesian industries September 202

Misure fiscali e monetarie per sostenere l'economia

La Banca centrale indonesiana ha abbassato il tasso di interesse di riferimento di 150 punti base in totale dall'inizio della pandemia, al 3,5% dal febbraio 2021. Si prevede che il tasso d'interesse di riferimento rimarrà basso per il momento al fine di sostenere l'economia. Questa politica monetaria è sostenuta da una bassa pressione inflazionistica per il momento, dato che l'inflazione annuale in Indonesia dovrebbe rimanere al 2% nel 2021.

Inoltre, la Banca centrale ha abbassato il coefficiente di riserva obbligatoria per le banche nel 2020 al fine di dare al settore bancario indonesiano più spazio per sostenere le imprese locali. Dall'anno scorso, ha iniettato più di 57 miliardi di dollari di liquidità nel sistema finanziario.

Il governo indonesiano ha rimosso il tetto costituzionale del deficit di bilancio del 3% del PIL per il periodo 2020-2022 e ha stanziato uno stimolo pari a 49,5 miliardi di dollari (4% del PIL) nel 2020. All'inizio del 2021, il governo ha annunciato un ulteriore sostegno fiscale di 43 miliardi di dollari. Le misure chiave per sostenere l'economia hanno finora incluso una maggiore spesa sanitaria, misure di protezione sociale, tagli alle imposte sulle società, ristrutturazione del credito, prestiti speciali alle PMI, elargizioni in contanti ai poveri e ai lavoratori del settore informale (circa 70 milioni di indonesiani su una popolazione di 270 milioni lavorano nel settore informale), e l'espansione dei progetti del settore pubblico.

Queste maggiori spese porteranno ad un altro elevato deficit fiscale del 6,5% del PIL nel 2021 (6,2% del PIL nel 2020), con il debito pubblico che aumenterà ulteriormente, al 50% del PIL (44% del PIL nel 2020 e 35% del PIL nel 2019).  Nel 2022, il deficit fiscale dovrebbe diminuire un po' seguito di una più alta crescita economica, al 4,7% del PIL (debito pubblico: 49% del PIL).

Con questo ritmo, le finanze pubbliche dell'Indonesia rimangono gestibili, anche grazie al fatto che i deficit di bilancio annuali pre-pandemia erano bassi. Il governo mira ufficialmente a ridurre il deficit al di sotto del 3% del PIL nel 2023, al fine di rispettare il tetto del deficit di bilancio. Tuttavia, questo obiettivo potrebbe essere ostacolato da una crescita inferiore al previsto e da pagamenti di interessi non compensati dalle entrate fiscali. La persistente bassa riscossione delle imposte, i sussidi e le inefficienze negli esborsi di bilancio del governo rimangono problemi.

La vulnerabilità strutturale agli shock esterni rimane

L'indice di adeguatezza del capitale (22,8%) e l'indice dei prestiti in sofferenza (2,8%) suggeriscono che il settore bancario indonesiano è solido. Tuttavia, le attività estere nette negative e in calo del settore indicano una grande debolezza. Un altro punto debole riguarda la quota piuttosto alta di prestiti e depositi in valuta estera tra le banche (circa un settimo della loro esposizione). Inoltre, la supervisione bancaria non è ancora pienamente conforme agli standard internazionali.

Il livello del debito estero indonesiano in termini di PIL sembra gestibile (33%-36% del PIL tra il 2015 e il 2019), ma sembra più preoccupante come percentuale delle esportazioni di beni e servizi (tra il 159% e il 189% nello stesso periodo). Il livello del debito estero è aumentato al 206% delle esportazioni di beni e servizi nel 2020, principalmente a causa di un ulteriore aumento del debito estero e della diminuzione delle esportazioni. Si prevede che rimanga alto nel 2021 e 2022, al 175%. Anche le attività estere piuttosto basse e la struttura sfavorevole dei creditori del debito estero (quasi l'85% di creditori privati) contribuiscono al rischio di solvibilità esterna. Il rapporto di servizio del debito rimane alto, oltre il 25% nel 2021, e il saldo annuale delle partite correnti è rimasto persistentemente negativo negli ultimi due anni (stimato a -1,4% del PIL nel 2021 e -2,1% del PIL nel 2022).

L'Indonesia rimane strutturalmente vulnerabile alle turbolenze del mercato finanziario globale (ad esempio, un improvviso deflusso di investimenti di portafoglio o una grave riduzione del capitale estero disponibile da parte dei creditori privati). Gli investitori stranieri detengono più del 30% dei titoli di stato dell'Indonesia, una quota maggiore rispetto ai suoi colleghi regionali, rendendo le attività finanziarie del paese altamente suscettibili ai deflussi di capitale. Inoltre, poiché gli investitori stranieri detengono circa un terzo del finanziamento del debito aziendale, i rischi di rifinanziamento rimangono elevati.

Documenti collegati