Le catene globali del valore colpite da Covid e guerra

Ricerca Dipartimento Studi Economici

  • ,
  • Algeria,
  • Angola,
  • Argentina,
  • Australia,
  • Austria,
  • Bangladesh,
  • Belgio ,
  • Brasile ,
  • Bulgaria,
  • Canada,
  • Cile ,
  • Cina ,
  • Colombia ,
  • Costa Rica,
  • Croazia ,
  • Cyprus,
  • Repubblica Ceca,
  • Danimarca ,
  • Egitto ,
  • Estonia,
  • Finlandia ,
  • Francia ,
  • Germania,
  • Grecia,
  • Hong Kong,
  • Ungheria ,
  • Islanda ,
  • India,
  • Indonesia,
  • Iran,
  • Irlanda ,
  • Italia ,
  • Giappone ,
  • Giordania ,
  • Kenia,
  • Kuwait,
  • Lettonia,
  • Lituania ,
  • Lussemburgo,
  • Malesia ,
  • Messico,
  • Marocco,
  • Paesi Bassi,
  • Nuova Zelanda ,
  • Norvegia,
  • Panama,
  • Perù,
  • Filippine ,
  • Polonia ,
  • Portogallo,
  • Romania,
  • Russia,
  • Arabia Saudita ,
  • Singapore,
  • Slovacchia ,
  • Slovenia,
  • Sud Africa ,
  • Corea del Sud,
  • Spagna ,
  • Svezia ,
  • Svizzera ,
  • Taiwan,
  • Tanzania,
  • Thailandia ,
  • Tunisia,
  • Turchia ,
  • Emirati Arabi Uniti ,
  • Stati Uniti d'America ,
  • Regno Unito ,
  • Vietnam
  • Generale

24 maggio 2022

La pandemia di Covid-19 e la guerra tra Russia e Ucraina rappresentano una sfida per le catene globali del valore

  • La pandemia di Covid-19 e, più recentemente, la guerra tra Russia e Ucraina hanno posto sfide senza precedenti alle catene globali del valore. Gli shock sul lato della domanda e dell'offerta hanno creato diversi colli di bottiglia lungo la catena di approvvigionamento, che vanno dalle interruzioni logistiche alla carenza di attrezzature e manodopera, nonché di beni intermedi come i semiconduttori.

  • Nonostante le sfide, non ci aspettiamo un grande passo indietro nella scala della globalizzazione. La motivazione economica fondamentale delle catene del valore - l'arbitraggio del costo del lavoro, ossia lo spostamento della produzione da parte delle imprese in luoghi con manodopera relativamente a basso costo - è ancora valida. Inoltre, non è detto che i Paesi si trovino meglio se adottano una strategia alternativa.

  • Sosteniamo che anche le alternative, come la diversificazione dei fornitori o dei clienti o il reshoring della produzione, comportino importanti svantaggi e non aumentino necessariamente la solidità o la resilienza.

     

Il Covid colpisce le Catene Globali del Valore (GVC)

Il virus Covid-19 ha colpito l'economia mondiale come uno shock inaspettato. La pandemia ha creato forti scompensi lungo le catene globali del valore (GVC) e, così facendo, ha messo a nudo alcune vulnerabilità delle reti produttive globali. Le criticità della catena del valore emerse durante la pandemia hanno cause sia dal lato della domanda che da quello dell'offerta. Il conflitto tra Russia e Ucraina ha esacerbato le difficoltà già esistenti. Ha fatto salire i prezzi delle materie prime e ha distorto parti della catena del valore europea, soprattutto nel settore automobilistico.

Sul fronte dell'offerta, la produzione è stata colpita nelle prime fasi della pandemia dalla chiusura delle fabbriche in Cina. Ciò è avvenuto nel gennaio/febbraio 2020. Data la posizione centrale della Cina nelle GVC, ciò ha avuto un effetto immediato sulla produzione globale di manufatti. Quando la produzione cinese si è ripresa nella primavera del 2020, la pandemia si è spostata in Europa e negli Stati Uniti, provocando la chiusura delle fabbriche e "reinfettando" l'industria cinese, in quanto i fattori produttivi provenienti da Stati Uniti ed Europa erano più difficili da reperire. La produzione globale ha iniziato a risalire nella seconda metà del 2020, quando le economie hanno imparato ad adattarsi al virus e le restrizioni sono state ridotte. Nel quarto trimestre del 2020, la produzione globale era già tornata ai livelli precedenti alla pandemia. Occasionalmente le fabbriche chiudono ancora, soprattutto in Cina, che ha adottato la strategia "zero Covid". Tuttavia, i livelli di produzione globale indicano che l'industria manifatturiera è relativamente resistente alle nuove ondate di infezioni.

Dal punto di vista della domanda, all'inizio della pandemia si è registrato un calo della domanda globale a causa dell'incertezza, della diminuzione dei redditi disponibili e degli ostacoli pratici al consumo, come la chiusura dei negozi. Dalla seconda metà del 2020, tuttavia, la domanda è tornata a crescere grazie alla riapertura delle economie, ai risparmi in eccesso delle famiglie e agli stimoli fiscali dei governi. Anche i modelli di consumo si sono spostati dai servizi (locali) ai manufatti (importati), come i prodotti e le apparecchiature elettroniche, in parte legati al lavoro da casa. Ciò ha innescato una maggiore domanda di scambi di merci, creando disagi logistici nel settore dei trasporti. I costi di spedizione sono saliti alle stelle (figura 1) a causa della cattiva allocazione dei container, e diversi porti hanno avuto problemi a smaltire i carichi a causa della carenza di portuali e camionisti. Uno dei porti più colpiti è quello di Los Angeles-Long Beach, dove il numero di navi container in attesa "all'ancora" è salito a livelli record nel gennaio 2022. Guardando al quadro globale, la situazione non è migliorata di molto negli ultimi mesi.

 

 

 

 

 

 

Figure 1 Container shipping costs January 2012=100

 

 

 

 

 

 

L'impennata della domanda di beni industriali ha determinato un calo delle scorte più marcato del solito rispetto alla domanda. I livelli delle scorte sono ancora al di sotto delle medie storiche, ma è evidente che la rigidità delle scorte degli ultimi mesi si sta attenuando in diversi settori. Un'eccezione è rappresentata dall'industria dei semiconduttori, che continua a registrare ordini elevati a fronte di una capacità produttiva già ridotta. La carenza di semiconduttori è principalmente dovuta alla domanda, innescata da una rapida ripresa delle vendite di autoveicoli e da un boom di prodotti elettronici per i quali i semiconduttori sono importanti fattori di produzione.

Anche al di fuori dei settori dipendenti dai semiconduttori, le aziende hanno riscontrato carenze di attrezzature o materiali. Nel secondo trimestre del 2022, il 51% delle imprese manifatturiere dell'UE ha segnalato la carenza di attrezzature come fattore limitante la produzione, con un picco del 77% in Germania (Figura 2). Anche negli Stati Uniti le aziende segnalano una carenza di fattori produttivi fisici. Lo scoppio della guerra tra Russia e Ucraina ha esacerbato le distorsioni della catena di approvvigionamento esistenti e la volatilità dei prezzi delle materie prime. Nonostante siano solo parzialmente integrate nella catena di approvvigionamento europea, Russia e Ucraina forniscono alcuni input produttivi fondamentali. L'impatto si fa sentire soprattutto nell'industria automobilistica, con alcune case automobilistiche che limitano o interrompono la produzione. L'Ucraina è un produttore chiave di vari metalli scarsi, come il palladio (usato nelle marmitte catalitiche) e il neon (usato nei laser per la produzione di microchip).

 

 

 

 

 

 

Figure 2 Equipment and labour as factors hindering production

 

 

 

 

 

 

Analogamente, la carenza di manodopera è un rischio fondamentale per la ripresa industriale sia nell'UE che negli USA. In Germania, dove molti posti di lavoro sono stati salvati grazie al piano di cassa integrazione del governo, l'occupazione manifatturiera non si è ripresa dal crollo del 2020 (nonostante la forte domanda). Il 38% delle imprese manifatturiere tedesche registra una carenza di manodopera, rispetto al 28% dell'UE nel suo complesso.

Interruzioni da risolvere gradualmente

Attualmente prevediamo che le criticità delle catene di approvvigionamento si risolveranno solo gradualmente. Prevediamo che ci vorrà almeno il 2023 per allocare i container nei posti giusti, mantenendo alti i costi di spedizione nel breve termine. Anche la carenza di semiconduttori dovrebbe continuare nel 2022. Dati recenti suggeriscono che la carenza di chip ha superato il suo picco, poiché i principali produttori di chip in Asia stanno aumentando la produzione. Potrebbe essere d'aiuto anche il fatto che i consumatori abbiano iniziato a passare dal consumo di beni a quello di servizi. Tuttavia, è probabile che la carenza di semiconduttori si protragga fino al 2023.

Le tendenze post-crisi finanziaria nelle Catene Globali del Valore

La pandemia di Covid-19 è arrivata in un momento in cui le principali forze trainanti della produzione internazionale erano già a un punto di inflessione. Per diversi decenni dopo gli anni '80, i processi produttivi globali sono letteralmente esplosi grazie ai bassi costi commerciali consentiti dagli accordi commerciali e ai costi di trasporto drasticamente ridotti. Inoltre, le tecnologie dell'informazione e della comunicazione hanno ridotto i costi di comunicazione. Di conseguenza, le catene globali del valore hanno iniziato a svolgere un ruolo sempre più importante nella produzione globale. La partecipazione della Cina all'economia globale è probabilmente la tendenza più degna di nota delle GVC degli ultimi tre decenni. Nel 1990, Germania, Stati Uniti e Giappone erano i tre nodi centrali che collegavano i flussi commerciali tra i continenti. La Cina era un puntino minuscolo con una partecipazione molto bassa alle GVC. Tuttavia, nel 2019 la Cina ha sostituito il Giappone come nodo centrale in Asia e gli Stati Uniti come secondo polo delle GVC a livello globale (la Germania è al primo posto).

Dopo la crisi finanziaria del 2008/2009, tuttavia, lo slancio di crescita della produzione internazionale si è arrestato. Molti dei potenziali benefici della globalizzazione derivanti dalle differenze nel costo del lavoro e nella produttività sono già stati sfruttati. Dal punto di vista politico, il pendolo ha iniziato a oscillare dal commercio liberale verso un maggiore interventismo nelle politiche economiche nazionali e un ritorno del protezionismo. La guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, emersa sotto la presidenza di Donald Trump, è un buon esempio di questa tendenza. In alcune misure la globalizzazione si sta effettivamente stabilizzando. La quota delle esportazioni mondiali sul PIL è rimasta più o meno costante dal 2008. Per gli Stati Uniti e la Cina, osserviamo che la quota delle esportazioni sul PIL è stagnante o leggermente diminuita dal 2008. Per la Germania, invece, tale diminuzione non è visibile.

 

 

 

 

 

 

Figure 3 Participation in Global Value Chains

 

 

 

 

 

 

Prendendo in considerazione un'altra variabile, quella della partecipazione alle catene globali del valore, si nota una certa stagnazione per gli Stati Uniti e la Cina, ma non un'inversione di tendenza (cfr. figura 3). I dati disponibili sono solo fino al 2018 e purtroppo non per l'intero periodo della guerra commerciale USA-Cina e della pandemia. La partecipazione alle GVC ha subito un calo nel 2009, a causa della "Grande Recessione" seguita alla crisi finanziaria, ma è stata seguita da una ripresa negli anni successivi. Nel 2018, la partecipazione è rimasta mediamente alta, ma l'aumento suggerisce che la maggior parte dei vantaggi della globalizzazione sono stati sfruttati.

Il Covid-19 e il conflitto tra Russia ed Ucraina non costituiscono di per sé un ostacolo alla partecipazione alle GVC

La pandemia di Covid-19 e, più recentemente, la guerra tra Russia e Ucraina hanno posto delle sfide alle GVC. Il netto calo del commercio nei primi mesi della pandemia ha testimoniato la confluenza di shock della domanda e dell'offerta indotti dalla pandemia. La riapertura delle economie, soprattutto a partire dalla seconda metà del 2020, ha creato una domanda di beni talmente forte da far emergere nuovi colli di bottiglia. Molte aziende, sia multinazionali che piccoli fornitori locali, sono state colpite negativamente dalle strozzature. Nei sondaggi condotti dopo l'epidemia di Covid-19, gli amministratori delegati di grandi aziende e multinazionali hanno espresso la convinzione che ci vorranno anni prima che le attività commerciali tornino ai livelli pre-crisi.

Il Covid-19 e il conflitto tra Russia e Ucraina stanno alimentando il dibattito preesistente sul fatto che le GVC siano diventate troppo vulnerabili agli shock. Alcuni economisti prevedono pochi cambiamenti significativi nel modo in cui le GVC sono modellate, perché i razionali economici continuano ad essere validi. Le GVC hanno portato molti benefici, consentendo alle imprese di approvvigionarsi di fattori produttivi in modo più efficiente, di accedere a conoscenze e capitali al di fuori dell'economia nazionale e di espandere le proprie attività in nuovi mercati. Altri ritengono che il Covid-19 sia diventato un campanello d'allarme per un nuovo equilibrio tra rischi e benefici delle GVC. Le imprese possono prendere in considerazione diverse opzioni per migliorare la resilienza della catena di approvvigionamento, tra cui il reshoring della produzione, la diversificazione dei fornitori e la detenzione di maggiori scorte.

La prima opzione è il reshoring o il nearshoring. Questa è probabilmente la strada più drastica. Sfida gli elementi più caratteristici delle GVC - la frammentazione dei compiti e la dispersione geografica - ed è associata a un PIL e a un reddito più bassi, poiché è possibile sfruttare meno gli incrementi di efficienza. I fattori chiave per il reshoring potrebbero essere il contesto politico (spinta a un maggior grado di autosufficienza dopo la pandemia) e la possibilità di automatizzare parti del processo produttivo, che riduce la rilevanza delle opportunità di arbitraggio del costo del lavoro. L'arbitraggio del costo del lavoro è la pratica di spostare la produzione in luoghi dove la manodopera è più economica. La produzione nearshore può essere oggetto di considerazioni strategiche. Ad esempio, in settori critici come l'energia, le tecnologie avanzate, le forniture alimentari e le apparecchiature mediche, si potrebbe assistere a una maggiore rilocalizzazione (nearshoring o onshoring).

Tuttavia, è importante notare che la produzione a livello locale non è necessariamente meno vulnerabile agli shock. Se si considera la situazione di una pandemia globale, quasi tutte le economie sono colpite da shock sia dell'offerta che della domanda, anche se in misura diversa. Ciò significa che anche la produzione locale può essere colpita da blocchi. Inoltre, shock di natura diversa, come incidenti di produzione, disastri naturali e rischi finanziari, possono verificarsi in qualsiasi luogo, per cui la produzione locale non è una garanzia di solidità delle catene del valore. Al contrario, durante la pandemia di Covid, le catene del valore sono state persino in grado di far fronte alle carenze nella fornitura di beni medici essenziali. Ad esempio, in Corea del Sud è nata una nuova industria che esporta milioni di kit per il test Covid-19 in oltre 100 Paesi. Ciò è avvenuto in pochi mesi dallo scoppio della pandemia.

La guerra in Ucraina potrebbe forse essere un passo importante verso la deglobalizzazione? Quasi sicuramente accelererà il riorientamento della Russia verso est, verso la Cina, l'India e i Paesi dell'Asia centrale. Ma il volume degli scambi tra questi blocchi economici rimane relativamente modesto su scala globale. Inoltre, la Russia rappresenta meno del 2% del PIL mondiale. È improbabile che la Cina voglia creare una struttura commerciale regionale che possa danneggiare le sue relazioni commerciali con le economie avanzate. Le regioni avanzate sono ancora il principale sbocco della Cina per i manufatti e una fonte di tecnologie chiave. Il commercio con gli Stati Uniti e i suoi alleati in Europa e in Asia rappresenta ancora oltre il 70% del commercio estero della Cina, contro solo il 4% con Russia e India.

Non è evidente che uno shock come il Covid-19 porterà a un'accelerazione del reshoring. Precedenti importanti shock della catena di approvvigionamento, come il terremoto del 2011 in Giappone, non hanno portato alla rilocalizzazione  della produzione come risposta. Gli importatori, tuttavia, hanno ridotto la dipendenza dal Giappone a favore delle economie in via di sviluppo a basso costo. Prevediamo che, sulla scia della crisi di Covid-19, il reshoring sembri un'opzione praticabile e probabile solo per alcuni settori ad alta tecnologia soggetti a pressioni protezionistiche. Si tratta di beni essenziali, come le apparecchiature mediche, o di beni strategicamente importanti dal punto di vista economico o tecnologico (ad esempio, l'industria automobilistica ed elettronica).

La seconda opzione è la diversificazione delle forniture, una soluzione che fa leva sulle GVC anziché smantellarle. La diversificazione dei fornitori nelle varie fasi di produzione di una catena del valore può aumentare la solidità e la resilienza, poiché uno shock negativo che colpisce le forniture di un luogo può essere compensato da forniture sostitutive provenienti da altri luoghi. Tuttavia, il mantenimento di fornitori alternativi impone costi aggiuntivi alle imprese, che devono investire in più fornitori per personalizzare i fattori di produzione e assicurarsi che parti e componenti di produttori diversi si adattino tra loro. Alcuni settori, come quello della produzione di semiconduttori, sono fortemente concentrati in pochi Paesi, perché i significativi investimenti iniziali nella produzione limitano il numero di fornitori. In questo caso, la diversificazione della fornitura di fattori produttivi sarà più difficile.

La digitalizzazione della catena di fornitura è un fattore chiave che potrebbe rendere la diversificazione più facile e meno costosa, in quanto aumenta le opportunità di coordinamento e controllo. La diversificazione è più probabile nei settori a bassa tecnologia e a basso costo, come il tessile e l'abbigliamento. Oltre ai settori a bassa tecnologia, la diversificazione offre opportunità anche nei settori dei servizi, in particolare quelli a più alto valore aggiunto.

Infine, detenere più scorte è probabilmente il modo più semplice per aumentare la solidità delle GVC. Allo stesso tempo, questa strategia ha anche un costo. Le imprese orientate al profitto saranno riluttanti a detenere scorte in eccesso, perché questo vincola il capitale ma richiede anche la gestione delle scorte, il loro stoccaggio, la loro manutenzione e la prevenzione di danni o furti. Inoltre, molti prodotti possono scadere o diventare obsoleti mentre sono conservati in magazzino. Sebbene molte aziende abbiano aumentato le scorte e si siano rifornite di materie prime durante la crisi di Covid-19, è improbabile che questo sviluppo si trasformi in una tendenza a lungo termine.

Non ci aspettiamo un grande cambiamento nella strategia di produzione dopo la pandemia del Covid-19 e il conflitto tra Russia e Ucraina. Potrebbe portare a un riorientamento strategico, ma non a un grande passo indietro nella scala della globalizzazione. L'argomentazione più importante è che la logica fondamentale delle catene globali del valore - le opportunità di arbitraggio del costo del lavoro - è ancora valida e le alternative alle GVC non sono necessariamente migliori. Riteniamo invece più probabile che le imprese apportino lievi modifiche alle loro strategie di produzione. Ad esempio, mantenendo maggiori scorte di beni critici, come le forniture mediche. È possibile che si verifichi un limitato reshoring, poiché il costo della manodopera in alcuni hub produttivi, in particolare in Cina, aumenta man mano che si sale nella catena del valore, ma ciò sarebbe avvenuto indipendentemente dalle attuali strozzature della catena di approvvigionamento. La nostra convinzione che le motivazioni economiche fondamentali per le catene globali del valore continuino ad essere valide è corroborata dall'esperienza di precedenti shock della catena di approvvigionamento, come la crisi finanziaria del 2008/2009 e il terremoto in Giappone del 2011.

Theo Smid, Senior Economist
theo.smid@atradius.com
+31 20 553 2169

Documenti collegati