NAFTA Rapporto Paese Canada 2018

Rapporto Paese

  • Canada
  • Agricoltura ,
  • Trasporti,

16 gennaio 2018

La crescita del PIL canadese dovrebbe rallentare a circa il 2% nel 2018, a causa del rallentamento dei consumi privati e della spesa pubblica.

 

 

NAFTA Canada 2018 Fig. 1

 

 

 

 

 

NAFTA Canada 2018 Fig. 2

 

 

Andamento delle insolvenze

Andamento delle insolvenze aziendali canadesi

Il ritmo del calo delle insolvenze è rallentato nel 2017. Nessuna ulteriore riduzione prevista per il 2018.

 

 

NAFTA Canada 2018 Fig. 3

 

 

Principali sviluppi economici

Accelerazione della crescita economica al 3% nel 2017

 

NAFTA Canada 2018 Fig. 4

 

Complice principalmente il calo dei prezzi del petrolio, la crescita del PIL canadese è rallentata al di sotto del 2% nel 2015 e nel 2016, in seguito alla contrazione degli investimenti in attività minerarie, estrattive, petrolifere e gassose. Nel 2017, tuttavia, l'economia ha registrato una ripresa, segnando un aumento del 3%, dovuto in primo luogo alla robusta crescita dei consumi delle famiglie, alla ripresa degli investimenti (soprattutto nel settore energetico) e all'aumento delle esportazioni. L'espansione economica ha subito una lieve diminuzione nel secondo semestre 2017 e la crescita del PIL dovrebbe rallentare fino a circa il 2% nel 2018, a causa del calo dei consumi privati e della spesa pubblica. 

La crescita è favorita dei consumi privati, ma l'elevato livello di indebitamento delle famiglie potrebbe comportare un rischio per l'economia 

 

NAFTA Canada 2018 Fig. 5

 

Dopo aver registrato un incremento del 2,3% nel 2016, si è assistito ad un aumento dei consumi privati fino al 3,7% nel 2017, sostenuta da una solida e continua crescita dell'occupazione e del reddito (innalzamento dei salari e apprezzamento dei prezzi degli immobili abitativi). Nel 2018 si prevede che la crescita dei consumi delle famiglie in parte diminuirà a causa del minore incremento dei salari e di ulteriori aumenti dei tassi di interesse, pur rimanendo superiore al 2% su base annua. L'inflazione dovrebbe aumentare moderatamente nel 2018, pur attestandosi al di sotto del 2%.

 

NAFTA Canada 2018 Fig. 6

 

Negli ultimi anni si è registrato un aumento del debito delle famiglie: buona parte dei prestiti contratti dai consumatori si è concentrata sull'acquisto di abitazioni, complici l'aumento dei valori degli immobili e i bassi tassi d'interesse. Tuttavia, si stima che l'edilizia abitativa sia attualmente sopravvalutata e che l'indebitamento delle famiglie (principalmente mutui ipotecari) sia salito a quasi il 170% del reddito al netto delle imposte, mentre il rapporto tra debito delle famiglie e PIL è aumentato oltre il 100%. Qualsiasi potenziale recessione economica (soprattutto l'aumento della disoccupazione) potrebbe trasformare la questione del debito al consumo in un problema reale, mettendo perfino a repentaglio la stabilità del settore finanziario. Le recenti modifiche delle politiche fiscali e di finanziamento dell'edilizia abitativa e due moderati aumenti del tasso di riferimento dei prestiti overnight da parte della Banca centrale a partire dal luglio 2017 (fino all'1%) hanno contribuito a raffreddare leggermente il mercato immobiliare.

I rischi negativi del commercio estero sono aumentati

 

NAFTA Canada 2018 Fig. 7

 

Le prospettive economiche a breve termine potrebbero risentire delle ripercussioni di un esito negativo delle attuali rinegoziazioni NAFTA e/o di un'escalation delle controversie commerciali in corso con gli Stati Uniti (il vicino meridionale del Canada raccoglie oltre il 75% delle esportazioni), con un conseguente aumento di determinate barriere commerciali. Il presidente statunitense Trump ha ripetutamente deplorato il deficit commerciale degli Stati Uniti nei confronti del Canada, e Washington è intenzionata a mantenere dazi supplementari su alcune esportazioni canadesi di legname, mentre ha già imposto una tassa sulle importazioni del 300% su un particolare aereo a reazione prodotto dalla società aerospaziale canadese Bombardier a seguito di accuse di vendite sottocosto mosse da un importante concorrente statunitense.

 

       

Documenti collegati