Rapporto Paese Regno Unito 2018

Rapporto Paese

  • Regno Unito
  • Agricoltura ,
  • Trasporti,

15 maggio 2018

Si prevede che le insolvenze delle imprese britanniche aumenteranno nuovamente nel 2018, colpendo principalmente le imprese attive nei settori dell'edilizia, della vendita al dettaglio e dell'ospitali

Regno Unito Panoramica
Regno Unito Settori

 

 

Situazione insolvenze

Un altro aumento dell’insolvenza aziendale nel 2018

Dopo un incremento del 3,8% nel 2017, si prevede che le insolvenze delle imprese britanniche aumenteranno di nuovo nel 2018. Tale previsione al rialzo è dovuta alla persistente incertezza riguardo all’impatto della Brexit sugli investimenti delle imprese, alla riduzione del potere d’acquisto dei consumatori e ai maggiori costi di produzione dovuti al deprezzamento della sterlina inglese.

Le imprese attive nei settori dell’edilizia, del commercio al dettaglio e dell’ospitalità sono quelle maggiormente colpite dall’aumento dei fallimenti.

Regno Unito Insolvenze

 

Situazione economica

Nessun deterioramento della crescita previsto nel 2018

Dopo il voto di giugno 2016 sulla Brexit, l’economia britannica è rimasta resiliente e la crescita del PIL non dovrebbe registrare un significativo rallentamento nel 2018. La perdurante incertezza che circonda la Brexit potrebbe tuttavia influire su queste previsioni piuttosto positive.

Le esportazioni del Regno Unito hanno beneficiato di una maggiore competitività internazionale dovuta all’indebolimento della sterlina e all’aumento della domanda mondiale. La produzione industriale ha registrato un incremento del 2,1% nel 2017, il tasso più elevato degli ultimi sette anni. La crescita delle esportazioni dovrebbe mantenersi sostenuta nel 2018.

Se in passato le spese per i consumi sono stati il motore dell’espansione economica, nel 2017 l’aumento dell’inflazione dovuto alla sterlina più debole e al calo dei salari reali ha inciso negativamente sui consumi delle famiglie. L’aumento dei tassi d’interesse e la stretta fiscale si ripercuoteranno sulla crescita dei consumi privati nel biennio 2018-2019.

La crescita degli investimenti delle imprese ha subito un rallentamento nel  2017 a causa della maggiore incertezza riguardo al corso dei negoziati UE-Regno Unito e dell’aumento dei tassi d’interesse. Si prevede che tale valore rimarrà al di sotto della media nel 2018 e nel 2019. L’accordo UE-Regno Unito del marzo 2018 su un periodo di transizione dopo la Brexit, dal marzo 2019 al dicembre 2020, ha offerto almeno un certo sollievo alle imprese britanniche, con prospettive più rosee di una Brexit “morbida”. Permane tuttavia l’insicurezza sul futuro a lungo termine delle relazioni commerciali tra l’UE e il Regno Unito.

 

 

 

 

Documenti collegati