Market Monitor ICT Cina 2018

Market Monitor

  • Cina
  • ICT

12 giugno 2018

Nonostante i tassi di crescita ancora elevati, il settore si trova ad affrontare un contesto economico difficile, con una concorrenza agguerrita e un eccesso di offerta in alcuni segmenti.

  • I dazi punitivi imposti dagli USA potrebbero avere un impatto significativo nel breve termine
  • Rallentamento della crescita delle vendite sul mercato interno
  • Probabile aumento dei ritardi di pagamento nel 2018

Market Monitor ICT Cina 2018 - Panoramica

Nel 2017 la crescita della produzione del settore cinese dell’ICT ha ancora una volta registrato una performance superiore a quella del PIL grazie ad innovazioni tecnologiche quali cloud computing, big data, Internet delle Cose, intelligenza artificiale e produzione avanzata. Secondo il Ministero dell’Industria e delle Tecnologie dell’Informazione (MIIT), la produzione totale del settore ha superato 18 trilioni di Yuan nel 2017 (2016: 16,96 trilioni di Yuan). Pur mantenendosi elevato (+9,1%), il tasso di crescita della produzione del settore ICT è stato inferiore rispetto al 2015 (+10,4%) e al 2016 (+10,0%).

Market Monitor ICT Cina 2018 - PIL

Nonostante il solido tasso di crescita, lo scorso anno il settore ha dovuto confrontarsi con un contesto economico difficile che dovrebbe persistere anche nel 2018. La domanda interna  di PC ha registrato una contrazione a causa dei prezzi elevati frutto di una carenza globale di componenti a partire dalla fine del 2016. La domanda di desktop ha subito un’analoga flessione, mentre il maggiore tasso di penetrazione del mercato e l’assenza di importanti aggiornamenti/nuovi prodotti ha avuto un impatto negativo sulla domanda di smartphone. Per i produttori del settore ICT la concorrenza sta diventando sempre più forte e aumentano le sfide. L’eccesso di capacità produttiva in alcuni sotto-settori (quali pannelli, schede elettroniche e batterie al litio) ha scatenato una guerra dei prezzi. Allo stesso tempo, l’aumento dei costi per la manodopera limita la competitività della Cina soprattutto nei confronti dei concorrenti del Sudest asiatico.

Market Monitor ICT Cina 2018 - SWOT

Ad aprile di quest’anno il governo statunitense ha imposto il divieto per le imprese americane di vendere componenti al produttore cinese di dispositivi mobili e di telecomunicazione ZTE (Washington ha accusato ZTE di aver violato le sanzioni USA spedendo illegalmente tecnologia americana in Iran e Corea del Nord). Le imprese statunitensi forniscono una quota significativa delle componenti utilizzate nei dispositivi di ZTE e il colosso cinese ha pertanto sospeso per il momento le attività. Inoltre, l’amministrazione statunitense ha valutato l’imposizione di dazi punitivi nell’ordine del 25% su dispositivi di telecomunicazione e componenti per smartphone di produzione cinese, tra cui display e schede elettroniche, il che avrebbe un forte impatto negativo sulla crescita dei fatturati di questi produttori. Tuttavia, alla fine di maggio il Presidente Trump ha annunciato che il governo statunitense revocherà il divieto su ZTE se l’azienda accetterà determinate condizioni, mentre stanno proseguendo le discussioni per risolvere le questioni generali di natura commerciale tra USA e Cina. Mentre l’imposizione di eventuali dazi all’importazione potrebbe determinare un rallentamento nel breve termine del settore cinese dell’ICT, l’impatto a lungo termine potrebbe essere mitigato dal fatto che i produttori cinesi stanno concentrandosi sempre di più sulle tecnologie emergenti (tra cui Intelligenza Artificiale, 5G e Internet delle Cose) per favorire la crescita di fatturato, a discapito dei dispositivi di telecomunicazione tradizionali.

Anche i distributori e rivenditori del settore devono confrontarsi con importanti rischi e sfide. La maggior parte dei piccoli operatori di questo segmento è rappresentata da distributori che operano soltanto con uno o due marchi, e trattandosi di un mercato in rapido cambiamento queste imprese sono esposte a rischi elevati a causa dell’alta concentrazione dei portafogli di prodotti. Un altro fattore è rappresentato dal rischio che, in una fase di contrazione del mercato, alcuni operatori potrebbero fare affidamento su pochi grandi ordini per poi ritrovarsi estromessi dal settore. La trasparenza continua ad essere uno dei problemi principali del settore cinese dell’ICT in quanto la proprietà delle imprese e la struttura dei gruppi non è sempre evidente e i dati finanziari sono a volte discordanti. Le banche fanno spesso ricorso a garanzie incrociate nella concessione di prestiti al settore e ciò implica un potenziale “effetto domino” in caso di problemi di liquidità di un’impresa.

Market Monitor ICT Cina 2018 - Settori

I pagamenti nel comparto ICT richiedono in media 30-60 giorni. A causa del peggioramento delle condizioni di mercato, prevediamo un aumento dei ritardi di pagamento nel 2018. Tuttavia, al momento non ci aspettiamo un aumento significativo delle insolvenze. Il nostro approccio assicurativo si conferma generalmente aperto, ma monitoriamo gli sviluppi della controversia commerciale con gli USA e delle sanzioni imposte alla ZTE e, potenzialmente, ad altre imprese cinesi. Prestiamo particolare attenzione ai piccoli distributori, integratori di sistemi e rivenditori online a causa della forte concorrenza in questi segmenti e la debolezza finanziaria di molte imprese.

Documenti collegati