Market Monitor Automotive Messico 2018

Market Monitor

  • Messico
  • Trasporti

04 settembre 2018

Mentre le vendite nel mercato messicano sono rimaste modeste nella prima metà del 2018, le esportazioni di automobili sono aumentate del 10%, grazie anche ai nuovi impianti di produzione.

Messico 2018 Automotive

  • Secondo l’Organizzazione internazionale dei costruttori di veicoli a motore (OICA), lo scorso anno la produzione automobilistica messicana è cresciuta del 13%, portandosi ad oltre 4 milioni di unità. Le esportazioni sono aumentate del 12% nel 2017 e del 10% nel primo semestre del 2018, grazie ai nuovi stabilimenti di produzione. Tuttavia, le vendite sul mercato interno si sono state contenute nei primi sei mesi di quest’anno (anche a causa dell’aumento dei prezzi del carburante).
  • I margini di profitto degli OEM e dei fornitori di 1° livello dovrebbero mantenersi stabili poiché il Messico importa soltanto il 10% dei componenti utilizzati dalle imprese di assemblaggio; pertanto, non si prevede un effetto immediato dei dazi punitivi su acciaio e alluminio. Inoltre, molti produttori di autoricambi (che sono spesso controllati da gruppi operanti a livello globale) hanno implementato misure di copertura contro le oscillazioni dei prezzi.
  • I pagamenti nel settore automobilistico messicano richiedono in media tra 30 e 90 giorni. Il comportamento di pagamento del settore si è mantenuto stabile negli ultimi due anni. Il numero di mancati pagamenti e insolvenze è nella media rispetto ad altri comparti e non ci aspettiamo un peggioramento nei prossimi mesi alla luce del fatto che il contesto commerciale si mantiene stabile.
  • Il nostro approccio assicurativo resta aperto per quanto riguarda i produttori e i fornitori di 1° livello, grazie ai punti di forza della maggior parte degli operatori di questo segmento (imprese ben consolidate, spesso facenti parte di gruppi operanti a livello globale, forti investimenti effettuati). Nel caso dei fornitori di 2° livello, il nostro approccio assicurativo è più neutro poiché questo segmento è esposto alle oscillazioni dei costi delle materie prime e alla concorrenza sui prezzi. Gli investimenti esteri nelle catene di produzione e fornitura dovrebbero proseguire, contribuendo ad aggiungere solidità al settore.

 

Documenti collegati