Market Monitor Alimentare Germania 2018

Market Monitor

  • Germania
  • Alimentare

19 dicembre 2018

Molti produttori di carne soffrono di prezzi di approvvigionamento più elevati, mentre la loro capacità di trasferire tali aumenti ai dettaglianti è limitata.

  • La situazione sul mercato interno si conferma difficile
  • Aumento dei casi d’insolvenza e di ritardi nei pagamenti
  • Crescita continua dei casi di frode

 

Market Monitor Alimentare Germania 2018 - Panoramica

 

Secondo l’Associazione di settore BVE, nel primo semestre di quest’anno il fatturato nominale del comparto alimentare è cresciuto, rispetto allo scorso anno, dell’1,1% (portandosi a 88,1 miliardi di Euro) grazie soprattutto al lieve aumento dei prezzi di mercato e dei volumi di vendita in Germania e nei principali mercati di esportazione.

Nel 2018 le condizioni sul mercato interno si sono confermate difficili per le imprese di produzione e trasformazione alimentare a causa dell’aumento dei costi di produzione, tra cui quelli per la manodopera, e dei margini di profitto strutturalmente bassi. Il mercato tedesco del retail alimentare è il più competitivo a livello europeo, con prezzi di mercato bassi grazie al predominio delle principali catene di vendita al dettaglio e dei discount di prodotti alimentari.

 

Market Monitor Alimentare Germania 2018 - Pil

Questo, insieme alla forte concorrenza e alla guerra dei prezzi nel settore del retail alimentare, spiega perché le imprese di produzione, trasformazione e fornitura di generi alimentari hanno avuto difficoltà a trasferire gli aumenti dei costi. Si prevede che la situazione si manterrà sostanzialmente invariata nel 2019.

La situazione nel segmento dei prodotti lattiero-caseari si è parzialmente stabilizzata a partire dalla fine del 2016, ma le oscillazioni dei prezzi di mercato e le difficoltà di trasferire gli aumenti dei costi sugli acquirenti finali continuano a rappresentare un problema. Mentre l’eccesso di capacità produttiva continua ad avere un impatto sul sotto-settore delle bevande, molte imprese di produzione e trasformazione di carne sono in difficoltà a causa dell’aumento dei costi di approvvigionamento, soprattutto per quanto riguarda la carne suina, mentre la loro capacità di trasferire gli aumenti sui rivenditori è limitata dai contratti a lungo termine. L’introduzione di un salario minimo a gennaio del 2017 ha contribuito ulteriormente ad aumentare la pressione sui margini di profitto e sulla liquidità delle imprese, mentre la situazione di mercato è caratterizzata da un eccesso di disponibilità di prodotti a base di carne.

 

Market Monitor Alimentare Germania 2018 - Swot

I pagamenti nel segmento dei produttori e grossisti alimentari richiedono in media 30 giorni, mentre i termini di pagamento per le imprese di vendita al dettaglio oscillano spesso  tra i 45 e i 90 o più giorni. Le imprese di trasformazione e vendita al dettaglio di generi alimentari premono sui fornitori per ottenere termini di pagamento più lunghi e migliorare così il proprio capitale circolante, un fenomeno che si riflette su tutta la catena di approvvigionamento. I margini di profitto già bassi sono in ulteriore diminuzione per molte imprese. Mentre la  dipendenza dalle banche per il finanziamento esterno è elevata, rispetto ad altri comparti industriali gli istituti finanziari sono piuttosto riluttanti a concedere prestiti alle imprese del settore alimentare. Il numero di casi di ritardo e insolvenza ha registrato un lieve
aumento, soprattutto nel segmento della carne, ma anche nei sotto-settori delle bevande e dei prodotti ortofrutticoli. Maggiormente a rischio di fallimento sono le (piccole) imprese che non possono contare su opportunità di export o che non offrono prodotti di specialità, così come le imprese già finanziariamente instabili.

Market Monitor Alimentare Germania 2018 - Settori

Nel complesso, il nostro approccio assicurativo nei confronti delsettore alimentare si conferma neutro o prudente, ma adottiamo maggiore cautela per quanto riguarda il sotto-settore della produzione e trasformazione della carne e il segmento delle bevande che potrebbero entrambi doversi confrontare con un contesto difficile anche nel 2019.

Il settore alimentare tedesco continua ad essere oggetto di importanti casi di frode con modalità che si stanno facendo sempre più sofisticate e professionali. Soprattutto nei segmenti del pesce e della frutta e verdura, gli acquirenti fraudolenti acquistano a credito prodotti che possono rivendere facilmente. Prestiamo quindi molta attenzione ai limiti di credito applicati sul breve periodo, soprattutto nel caso di acquirenti di recente costituzione o laddove si siano verificati cambi di gestione e/o di azionisti oppure quando il settore di attività dell’acquirente non corrisponde alle merci ordinate (ad esempio, un’impresa siderurgica che ordina generi alimentari). Lo stesso vale nel caso in cui un acquirente fornisca in modo proattivo dei dati finanziari che indicano margini di profitto insolitamente elevati.

Documenti collegati