Market Monitor - ICT - Australia

Market Monitor

  • Australia
  • ICT

30 giugno 2016

Il governo australiano sta guidando la crescita nel mercato IT attraverso il suo programma di acquisto e varie iniziative, come ad esempio una strategia di sicurezza informatica

  • Il mercato australiano dell’ICT ha un buon potenziale di crescita a medio termine, soprattutto per quanto riguarda tablet, software RTE (Real-Time Enterprise) e  data center. Il Governo australiano rappresenta un fattore importante di crescita  per questo settore grazie ai suoi piani di acquisto e le numerose iniziative a supporto, ad esempio, dello sviluppo interno di software e della sicurezza  cibernetica nazionale.
     
  • Il fatturato dei servizi IT dovrebbe portarsi da 22,0 miliardi di Dollari australiani  nel 2016 a 25,7 miliardi nel 2019, grazie soprattutto al contributo dei servizi cloud.
     
  • La crescita delle vendite di hardware dovrebbe essere relativamente contenuta a  ausa della maturità del mercato (da 7,8 miliardi di Dollari australiani nel 2016 a  8,2 miliardi nel 2019).
     
  • Le vendite di software dovrebbero passare da 9,4 miliardi di Dollari australiani  nel 2016 a 10,5 miliardi nel 2019. I principali fattori di crescita saranno la  domanda di applicazioni per il business da parte delle piccole e medie imprese e  la fornitura di servizi SaaS (Software As A Service).
     
  • Le opportunità di crescita nel sotto-settore delle telecomunicazioni si  manterranno decisamente contenute nei prossimi anni trattandosi di un  mercato fortemente saturo. Gli operatori stanno ora focalizzandosi sui servizi,  sfruttando principalmente gli investimenti fatti nelle reti 4G.
     
  • Il nostro approccio assicurativo si mantiene generalmente positivo per quanto  riguarda i grossisti, i distributori e i rivenditori, gli integratori di servizi e le  imprese di software, servizi e hardware. La performance finanziaria delle  imprese ICT dovrebbe confermarsi stabile e le banche sono inclini a concedere prestiti. Il numero di casi di mancato pagamento e di insolvenza è basso;  tuttavia, il settore ha fatto registrare due casi di fallimento importanti nel corso degli ultimi 12 mesi.