Market Monitor - Beni Durevoli di Consumo - Svezia

Market Monitor

  • Svezia
  • Beni durevoli

08 aprile 2016

  • Il settore svedese del commercio al dettaglio dei beni durevoli di consumo è cresciuto di  circa il 2% negli ultimi cinque anni, un dato sostanzialmente in linea con l’aumento del PIL.  Nel 2016, il PIL della Svezia dovrebbe crescere del 3,2% e l’andamento dei consumi privati  dovrebbe mantenersi solido.
  • I margini di profitto delle imprese dovrebbero mantenersi stabili. Mentre la guerra dei  prezzi nel settore dell’elettronica di consumo sembra essersi attenuata, il segmento degli  articoli sportivi mostra i primi segnali di un aumento della concorrenza, così come i  rivenditori di arredamento e di prodotti tessili. Le oscillazioni della valuta hanno avuto  ripercussioni sugli importatori ed esportatori di questo settore.
  • I pagamenti nel settore svedese della vendita al dettaglio dei beni durevoli di consumo  richiedono in media 45 giorni. I casi di mancato pagamento non dovrebbero registrare un  aumento quest’anno, mentre il numero d’insolvenze dovrebbe registrare una flessione di  circa il 10%.
  • Le imprese di nuova costituzione, in particolare, sono maggiormente a rischio in questo  mercato altamente competitivo. I rivenditori online beneficiano generalmente di  prospettive migliori grazie alle opportunità di crescita offerte da segmenti a bassa  penetrazione. Gli svedesi scelgono sempre più spesso di acquistare online e questo    segmento dovrebbe continuare a crescere anche nei prossimi anni. Il duplice effetto della  diffusione dell’e-commerce e dello spostamento dei punti-vendita nei grandi centri  commerciali fuori città continuerà a indirizzare il processo di trasformazione del settore  svedese del commercio al dettaglio dei beni durevoli di consumo.
  • Il nostro approccio assicurativo è generalmente positivo nei confronti del segmento degli  elettrodomestici e neutro per quanto riguarda arredamento e tessili.

Documenti collegati