Market Monitor - Beni Durevoli di Consumo - Regno Unito

Market Monitor

  • Regno Unito
  • Beni durevoli

08 aprile 2016

Lo sviluppo dei consumi continuerànel 2016, ma i margini saranno limitati

  • I consumi continuano a crescere anche nel 2016
  • I margini di profitto si mantengono bassi
  • I pagamenti richiedono in media 60 giorni

 

Nel 2015 il settore britannico della vendita al dettaglio ha continuato a registrare una solida crescita, sotto la spinta del buon andamento dei consumi privati (+3%). Secondo l'Ente Statistico britannico ONS, i volumi di vendita del segmento sono cresciuti del 4,5% e la spesa è aumentata del 2,6%, mentre i prezzi medi hanno registrato una flessione dell'1,8%.



Le prospettive si confermano positive e quest'anno i consumi delle famiglie dovrebbero far registrare una crescita del 3%. Tuttavia, un’ulteriore riduzione dei prezzi potrebbe influire negativamente su questo andamento positivo.

Il settore della vendita al dettaglio si è dovuto confrontare con un mercato particolarmente difficile durante la recente crisi economica provocando un forte aumento dei casi d’insolvenza. Molte imprese non sono state in grado di far fronte alle difficoltà, spesso a causa della scarsa redditività dei grandi punti-vendita su strada.

La pressione sui margini di profitto potrebbe aumentare quest'anno a seguito del recente aumento dei salari, che dovrebbero salire a 7,20 sterline/ora ad aprile e a 9 sterline/ora entro il 2020.

I pagamenti nel settore dei beni durevoli di consumo richiedono in media 60 giorni e non ci aspettiamo un aumento significativo dei ritardi di pagamento nel prossimo futuro.
Il tasso d’insolvenza/fallimento del settore dei beni durevoli di consumo è nella media rispetto a quello di altri comparti industriali britannici e non prevediamo che la situazione debba cambiare. Tuttavia, la forte concorrenza che caratterizza il mercato britannico della vendita al dettaglio, il cambiamento delle preferenze di acquisto dei consumatori (ossia, la maggiore attenzione ai prezzi e la crescita delle vendite online) determineranno ulteriori casi di fallimento nel prossimo futuro.

Il nostro approccio assicurativo nei confronti di questo settore si mantiene neutro. I rivenditori hanno una buona consapevolezza dell’assicurazione del credito e sono quindi solitamente disposti a condividere informazioni finanziarie riservate, permettendoci di poter prendere le decisioni migliori.
La stagionalità rappresenta un fattore importante nel settore della vendita al dettaglio, in particolare nel periodo natalizio, e incoraggiamo pertanto i nostri clienti a tenerne conto in modo da consentirci di soddisfare le loro esigenze.

 

 

Documenti collegati