Market Monitor - Automotive - Germania

Market Monitor

  • Germania
  • Trasporti

31 ottobre 2016

Negli ultiimi due anni i margini dei fornitori si sono ridotti a causa del costo elevato delle materie prime e del costo del lavoro, oltre alla competizione crescente ed alla pressione sui prezzi.

  • Fin ora il tasso d’insolvenza si è mantenuto basso
  • Il segmento dei fornitori sta attraversando una fase di consolidamento
  • Potenziale di rischio elevato per le imprese più piccole

Germania: Settore Automotive/ Panoramica

 

Secondo l’Associazione tedesca di settore VDA, nel 2015 la produzione tedesca di autovetture ha continuato a crescere (+1,3%) portandosi a 15,1 milioni di unità. La produzione interna è aumentata dell’1,9%, mentre il volume prodotto all’estero è cresciuto dell’1,0%. Il fatturato del settore automobilistico tedesco (produttori e fornitori di autoricambi) è cresciuto del 10% rispetto all’anno precedente. Nel periodo gennaio-agosto di quest’anno, la produzione interna di vetture ha registrato un aumento del 2%, mentre il numero di nuove immatricolazioni è cresciuto del 6%.

Questi dati testimoniano la solida performance del settore automobilistico tedesco. I fornitori del settore continuano a registrare buoni profitti e, in linea generale, i tassi di solvibilità e liquidità si mantengono positivi. Tuttavia, i margini di profitto hanno subito una contrazione negli ultimi due anni a causa del costo crescente per materie prime e manodopera, della maggiore concorrenza e della pressione sui prezzi di vendita. Allo stesso tempo, i fornitori devono investire in ingegneria e produzione oltremare per supportare i loro produttori OEM che si sono spostati all’estero. Per conservare un vantaggio sulla concorrenza e restare al passo con le nuove tendenze e tecnologie, tra cui i motori elettrici, la guida interattiva e le autovetture autonome, sono richiesti forti investimenti in ricerca e sviluppo e, sotto questo aspetto, la dimensione di un’impresa sta diventando un fattore determinante.

Per questo motivo, il processo di consolidamento nel settore dei fornitori tedeschi non mostra segnali di arresto, mentre si stanno affacciando sul mercato automobilistico le imprese specializzate in tecnologie dedicate. L’indebitamento complessivo del comparto si mantiene basso e le banche sono generalmente inclini a concedere prestiti alle imprese del settore automobilistico.

Germania: Settore Automotive/ PIL

La nostra esperienza di pagamento in questo settore si è mantenuta buona negli ultimi due anni e non abbiano notato un aumento dei casi di mancato pagamento nel corso degli ultimi dodici mesi. Prevediamo che il numero di casi di mancato pagamento e insolvenze si manterrà stabile o subirà una lieve riduzione nei prossimi mesi a patto che l’attuale contesto economico non si aggravi ulteriormente e che prosegua la ripresa economica dell’Eurozona.

Alla luce delle prospettive positive del settore, il nostro approccio assicurativo si conferma ragionevolmente rilassato, come nel 2014 e 2015, in particolare nei confronti dei fornitori più grandi e con una presenza ben consolidata, che hanno un buon accesso al mercato dei capitali e presentano un rischio di fallimento molto basso.

Non va però dimenticato che il sotto-settore dei fornitori è caratterizzato dalla presenza di un gran numero di piccole imprese che potrebbero essere maggiormente a rischio a causa del loro basso potere contrattuale nei confronti dei produttori OEM o poiché questi ultimi potrebbero interrompere gli ordini (delisting). Allo stesso tempo, la concorrenza è molto forte in alcuni segmenti.

Oltre il 50% dei produttori di telai e dei fornitori di componenti elettronici registra un fatturato inferiore ai 50 milioni di Euro. Molte piccole imprese hanno difficoltà a finanziare gli investimenti necessari per sostenere la crescita o salire nella catena del valore. Queste debolezze strutturali sono aggravate dal fatto che la performance del mercato automobilistico è strettamente dipendente da fattori esterni difficili da prevedere, quali gli sviluppi politico-economici (spesa al consumo e comportamenti di acquisto), i prezzi delle materie prime e le oscillazioni dei tassi di cambio. Anche se l’attuale performance del settore automobilistico tedesco si conferma solida, l’eventuale peggioramento del contesto economico e del livello di fiducia dei consumatori potrebbe avere effetti negativi immediati sulle vendite di autovetture, con ripercussioni soprattutto sui fornitori più piccoli.

Alla luce della vulnerabilità strutturale di queste imprese, la nostra valutazione del settore automobilistico tedesco è “Discreta”.

Germania: Settore Automotive/ SWOT