Economic Update Luglio 2016

Ricerca Dipartimento Studi Economici

  • Algeria,
  • Algeria,
  • Angola,
  • Argentina,
  • Australia,
  • Austria,
  • Bangladesh,
  • Belgio ,
  • Brasile ,
  • Bulgaria,
  • Canada,
  • Cile ,
  • Cina ,
  • Colombia ,
  • Croazia ,
  • Repubblica Ceca,
  • Danimarca ,
  • Egitto ,
  • Estonia,
  • Finlandia ,
  • Francia ,
  • Germania,
  • Grecia,
  • Hong Kong,
  • Ungheria ,
  • Islanda ,
  • India,
  • Indonesia,
  • Iran,
  • Irlanda ,
  • Italia ,
  • Giappone ,
  • Giordania ,
  • Kenia,
  • Kuwait,
  • Lettonia,
  • Lituania ,
  • Lussemburgo,
  • Malesia ,
  • Messico,
  • Marocco,
  • Paesi Bassi,
  • Nuova Zelanda ,
  • Norvegia,
  • Polonia ,
  • Portogallo,
  • Romania,
  • Russia,
  • Arabia Saudita ,
  • Singapore,
  • Slovacchia ,
  • Slovenia,
  • Sud Africa ,
  • Corea del Sud,
  • Spagna ,
  • Svezia ,
  • Svizzera ,
  • Taiwan,
  • Tanzania,
  • Thailandia ,
  • Tunisia,
  • Turchia ,
  • Emirati Arabi Uniti ,
  • Stati Uniti d'America ,
  • Regno Unito
  • Generale

11 luglio 2016

L'economia mondiale è ora vista in crescita solo del 2,4% nel 2016, in calo da un moderato 2,6% visto nel 2015.

Situazione generale

Il PIL mondiale si prevede in crescita solo del 2,4% nel 2016, appesantito dall’ emergente debolezza dei mercati e da crescente incertezza.

 

Eurozona

La ripresa  modesta dell'Eurozona dovrebbe continuare, con una crescita del 1,6% quest'anno, ma tale previsione sarà probabilmente rivista al ribasso nei prossimi mesi, a causa degli effetti del referendum nel Regno Unito sull’uscita dalla UE.

 

Economie avanzate

La crescita sta diminuendo sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito, a causa di condizioni esterne più deboli e del deterioramento del clima economico. Questi effetti sono amplificati nel Regno Unito dall'incertezza derivante dal voto Brexit.  La previsione di crescita per il 2016 è del 1,9% per entrambi i paesi.

 

Paesi Emergenti

Gli effetti dei bassi prezzi del petrolio, il rallentamento della crescita in Cina ed il peggioramento delle condizioni di finanziamento continuano a pesare sulle prospettive di molti mercati emergenti per quest'anno.

 

 

Documenti collegati