Barometro Comportamenti Pagamento Ungheria 2017

Barometro sui comportamenti di pagamento

  • Ungheria
  • Agricoltura ,
  • Trasporti,

23 maggio 2017

La percentuale di fatture B2B con ritardi nei pagamenti in Ungheria è diminuita nel 2017. Con un 29,7%, il tasso di inadempimento nel paese è ben al di sotto della media regionale.

Nel 2017, l'economia ungherese è destinata ad espandersi del 3,2%. Mentre il paese rimane vulnerabile al sentiment degli investitori internazionali e alla volatilità dei cambi, la prospettiva positiva potrebbe aver generato un maggiore aumento dei termini di credito da parte degli intervistati ungheresi con i clienti B2B sia nazionali che stranieri.

Vendite a credito

Dopo una forte riduzione delle vendite a credito nel 2016, il valore complessivo in Ungheria è aumentato di nuovo quest'anno. Con il 65,5% infatti, l'Ungheria ha avuto la quota più elevata di vendite con dilazione di pagamento di tutta l’ Europa orientale.
 

 

B2B sales on credit in Hungary

 

  • In media, il 62,1% delle vendite verso i clienti domestici B2B e il 68,8% delle vendite verso clienti esteri B2B ha previsto termini di dilazione. Entrambe queste percentuali mostrano incrementi significativi rispetto ai livelli del 2016 (domestici: 54,7%, stranieri: 52,5%).
  • Tra i paesi dell'Europa orientale intervistati, solo gli intervistati ungheresi avevano una chiara preferenza per la vendita a credito a livello internazionale. In Slovacchia e Repubblica Ceca, per esempio, sembra esserci una percezione uniforme del rischio di inadempimento dei pagamenti tra i clienti B2B domestici e stranieri. In Turchia e in Polonia è stata osservata una maggiore riluttanza ad offrire credito a clienti stranieri rispetto ai clienti domestici.
  • Rispetto alle medie dell'Europa orientale (domestico: 42,7%, estero: 37,9%), gli intervistati in Ungheria sono molto più aperti a concedere condizioni di credito sia ai loro clienti nazionali sia stranieri B2B.

Fatture B2B scadute (%)

Rispetto a un anno fa (36,2%), la percentuale di fatture B2B in ritardo in Ungheria è diminuita nel 2017 al 29,7%. Inoltre, il tasso di inadempienza di pagamento registrato nel paese è ben al di sotto della media dell'Europa orientale (41,5%).

 

Past due B2B receivables in Hungary

 

  • Gli intervistati ungheresi (domestici: 75,2%, stranieri: 57,8%) sembrano aver sperimentato ritardi di pagamenti B2B meno spesso dei loro omologhi nell'Europa orientale in generale (domestici: 88,5%; stranieri: 78,9%). L'Ungheria ha avuto anche la frequenza più bassa di ritardi di pagamento riportati di tutta l’Europa orientale.
  • Le fatture B2B scadute si presentano più spesso con i clienti domestici dei nostri intervistati ungheresi (35,6%) rispetto ai loro clienti stranieri (23,7%); L'Europa orientale ha mostrato una tendenza simile (nazionale: 45,2%, estero: 37,7%).
  • I tempi medi di pagamento in Ungheria (DSO) sono diminuiti da 53 giorni nel 2016 a 37 giorni quest'anno. Questa è la più consistente diminuzione dell'Europa orientale e potrebbe riflettere una maggiore efficienza nella raccolta di fatture ad alto valore. Nel 2017, la differenza tra il DSO del paese e il DSO medio regionale (61 giorni) è di più di tre settimane.
  • La maggior parte degli intervistati in Ungheria (80,9%) non prevede alcuna modifica del proprio DSO nei prossimi 12 mesi. Solo il 13,4% si aspetta un lieve aumento e un calo del 3,8% dei casi.

 

 

Maggiori dettagli sono disponibili nel documento completo scaricabile in fondo alla pagina.

 

 

Documenti collegati