APAC Rapporto Paese Taiwan 2018

Rapporto Paese

  • Taiwan
  • Agricoltura ,
  • Trasporti,

13 marzo 2018

La crescente concorrenza della Cina continentale nel settore dell'elettronica richiede aumenti della produttività e una diversificazione dell'economia nel lungo periodo.

 

Rapporto Paese Taiwan 2018_1
Rapporto Paese Taiwan 2018_2

 

Political situation

Capo di Stato: Presidente Tsai Ing-wen (DPP, da Maggio 2016)

Forma di Governo: Regime democratico multipartitico guidato da presidente eletto a
suffragio popolare.

Popolazioe: 23,6 milioni

Il rapporto con la Cina rimane una questione chiave della politica taiwanese

Il rapporto di Taiwan con la Cina continentale continuerà a essere la principale questione politica che interesserà l’isola. La scena politica è polarizzata fra i partiti favorevoli all’unificazione (KMT, PFP e Nuovo Partito) e quelli filo-indipendentisti, in primis il Partito Progressista Democratico (PPD) e il DSU.
La Cina continentale considera Taiwan una “provincia ribelle” e ha ripetutamente minacciato di invadere l’isola nel caso di una dichiarazione di indipendenza formale.
Dopo la vittoria del DPP alle elezioni presidenziali e politiche del gennaio 2016, Pechino ha ridimensionato i contatti ad alto livello con il nuovo governo maggiormente filo-indipendentista e ha assunto una posizione più assertiva nei rapporti bilaterali. Tuttavia, il governo taiwanese si è finora astenuto da qualsiasi azione che possa provocare una dura risposta da parte di Pechino.

Situazione economica

ERipresa della crescita economica nel 2017 grazie all’aumento della domanda esterna

Rapporto Paese Taiwan 2018_3

L’economia taiwanese è principalmente orientata all’export (incentrata su apparecchiature elettroniche e informatiche, metalli di base e materie plastiche), con un’esportazione di beni e servizi pari a oltre il 70% del PIL, e con il 40% di spedizioni in uscita (principalmente dispositivi elettronici) destinate alla Cina.

Nel 2017 la ripresa del commercio mondiale e una domanda d’importazione superiore al previsto in Cina hanno stimolato la crescita economica di Taiwan, con un aumento delle esportazioni del 7% su base annua. Nel 2018 si prevede che la crescita del PIL rallenterà leggermente a causa della minore domanda esterna. Tuttavia, l’attuale inversione di tendenza negli investimenti nel settore dell’alta tecnologia (elettronica) e in un mercato del lavoro relativamente solido, che rafforza la fiducia e la spesa dei consumatori, potrebbe in qualche modo compensare l’indebolimento della domanda esterna.

Rapporto Paese Taiwan 2018_4

Le finanze pubbliche sono particolarmente sane grazie a un debito pubblico che rimane basso (pari al 30% del PIL). Anche il deficit di bilancio dovrebbe rimanere
contenuto, attestandosi al di sotto dell’1% del PIL nel 2018. La situazione finanziaria di Taiwan nei confronti dell’estero è molto solida e caratterizzata da un debito estero contenuto. L’avanzo delle partite correnti è molto elevato (più del 13% del PIL) e il paese dispone di ampie riserve estere.

Grandi sfide si profilano all’orizzonte

Attualmente i produttori taiwanesi di elettronica beneficiano ancora di economie di scala e sono riusciti a ridurre i costi unitari a livelli spesso molto inferiori rispetto a quelli dei concorrenti, guadagnando così un vantaggio competitivo. Un altro punto di forza del settore è la precisione e l’affidabilità.

Rapporto Paese Taiwan 2018_5

Tuttavia, mentre le industrie cinesi risalgono sempre di più la catena del valore tecnologico, le imprese elettroniche taiwanesi sono sempre più sottoposte a pressioni concorrenziali. Taiwan dovrà cercare nuove alternative ad alto valore aggiunto a medio e lungo termine, affrontando le sfide a lungo termine degli aumenti di produttività e della diversificazione dell’economia. Inoltre, l’invecchiamento demografico è un problema esacerbato dal fatto che molti giovani di talento taiwanesi si trasferiscono all’estero per motivi di lavoro, anche in Cina. La popolazione in età lavorativa di Taiwan ha iniziato a diminuire nel 2016, e gli oneri pensionistici potrebbero diventare un grave problema per il bilancio pubblico in futuro.

 

 

Documenti collegati